Ecco i giovani «choosy»: su 13 selezionati al concorso per operatori ecologici a Barletta, 9 sono laureati

Giovani laureati e diplomati si contendono 13 posti per operatori ecologici a Barletta, in Puglia

110 e lode in ingegneria edile, 110 e lode in economia e gestione dei servizi turistici, 110 in marketing. E poi 110 in ingegneria dei sistemi edilizi, 108 in scienze dell’educazione, e altre ottime votazioni in diversi indirizzi accademici.

Sono queste le specifiche dei vincitori del bando per operatori ecologici a Barletta, in Puglia, emanato dalla Barletta Servizi Ambientali S.p.A alla Sezione Pubblica, e riservato a 13 candidati.

A vincere sono stati 9 laureati e 4 diplomati, ragazzi e ragazze nati tra il 1980 e il 1996. Ragazzi e ragazze che hanno bisogno di lavoro, ché di lavoro c’è bisogno per vivere.

Giovani estremamente qualificati in fila in una graduatoria impietosa: un elenco che restituisce la fotografia di una realtà che è ben altro di quella descritta dai politici dell’ultima decade, che hanno dipinto le nuove generazioni come «schizzinose» (Elsa Fornero), «bamboccione» (Padoa Schioppa) o addirittura «sfigate» (Michel Martone).

Laureati e diplomati che per sopravvivere sono scesi a compromessi, servendosi dei loro attestati universitari e di scuole superiori per accumulare punti e aggiudicarsi un impiego ben al di sotto della loro preparazione. Perché la possibilità di un posto a tempo pieno a tempo indeterminato (o comunque non precario) non arriva da nessun’altra parte.

Un epilogo che non ha solo per conseguenza lo sconforto di chi ha studiato per anni senza essere poi gratificato né premiato dal contesto socio-economico, ma che dimostra anche la profonda crisi di lavoratori che, senza laurea o diploma, si trovano a dover competere con persone iperqualificate nelle graduatorie per lavori da operaio o operatore. Perdendo, così, un’occasione di impiego.

Leggi anche:

Foto copertina: foto di archivio / Vivianne Lemay su Unsplash