Smartphone, il 93% degli italiani ne possiede uno. Cala la paura da «giga finiti»: crescono anche gli smartwatch

Nel 50% delle abitazioni c’è una smart tv; due giovani su tre aspettano l’arrivo del 5G

Cresce la percentuale di italiani in possesso di uno smartphone: secondo il Global Mobile Consumer Survey 2019 che ha condotto lo studio su un campione di 2 mila persone tra i 18 e i 75 anni, il 93% di loro ne è possessore.

Il dato è in crescita dell’1% rispetto al 2018 e fa registrare un +6% nella fascia d’età tra i 60 e i 75 anni, a dimostrazione che ormai anche gli ‘over 60’ non vogliono fare più a meno del telefono connesso, da cui controllare anche altri dispositivi con smartwatch e smart speaker.

In base ai dati, a crescere di più sono i bracciali per il fitness, al polso del 19% degli italiani, e gli smartwatch, che conquistano il 26% del campione esaminato.

Una persona su quattro, tra gli under 34, possiede uno dei dispositivi da polso citati prima. I cellulari tradizionali perdono il loro “appeal” diventando strumenti di scorta: solo il 19% ne ha uno.

Dall’indagine emerge anche il superamento dell'”ansia da risparmio dei giga”. Un giovane su due si connette a casa con linea fissa o mobile, mentre due giovani su tre non vedono l’ora di passare al 5G. Tra gli under 34, uno su tre guarda contenuti in streaming sullo schermo dello smartphone.

I videogiochi, invece, non hanno limiti di età: a giocare sul telefono è la metà degli italiani. E ancora: nel 50% delle abitazioni c’è una smart tv, mentre il 12% delle famiglie ha uno smart speaker (vedi alla voce: Alexa). In aumento anche l’internet delle cose: lampadine, termostati e spine elettriche intelligenti sono nell’8% delle case.

Leggi anche: