Libia, Haftar: «Milizie turche già a Tripoli per sostenere al Sarraj». A breve l’incontro con Di Maio a Roma

Il ministro degli esteri italiano, di ritorno dalla Libia, ha annunciato la nomina di un inviato speciale nel Paese per lavorare alla pace

A 20 giorni dalla firma degli accordi militari ed economici tra il governo di accordo nazionale libico (Gna) e Recep Tayyip Erdoğan, le unità militari turche sono già sul campo.


Secondo quanto dichiarato dal portavoce dell’esercito di Khalifa Haftar, Ahmed al Mismar, «la presenza dei turchi a Tripoli non si limita più ai consiglieri e agli ufficiali che addestravano le milizie, ma è ora attiva a protezione dell’aeroporto di Mitigia con uno squadrone in possesso di un carro armato».

«Non escludiamo che lo stesso carro armato sia turco», ha dichiarato ancora al Mismar. I due schieramenti della Libia, quello di Haftar e quello di al Sarraj, non sarebbero legittimati a dotarsi di armi in virtù di un embargo internazionale. In pratica, però, l’esercito della Cirenaica è rifornito dalla Russia, dall’Egitto, dagli Emirati Arabi e (sempre meno convintamente) dalla Francia.

Al Sarraj, oltre che sulla Turchia, può invece già contare sulle forniture del Qatar. Ma gli accordi tra lui e Erdoğan non hanno provocato solo le reazioni negative del Parlamento di Tobruk, in Cirenaica, ma anche dei Paesi presenti nell’area tra Turchia e Libia – su tutti Grecia ed Egitto.

Quest’ultimo, lo scorso 14 dicembre, aveva rotto definitivamente i rapporti con il capo del Gna, riconoscendo la Camera dei rappresentanti di Tobruk come «unico rappresentante legale del popolo libico». Il presidente egiziano, Abdel Fattah al Sisi, aveva dichiarato che il Gna è «ostaggio di milizie terroristiche» e che il conflitto libico rappresenta una minaccia per la sicurezza nazionale del Cairo.

Secondo al Sisi, i combattenti e le armi rischiano di superare il confine e finire sul territorio egiziano: per questo motivo, l’Egitto avrebbe il diritto di interferire negli affari della Libia. Di tutta risposta, Tripoli aveva minacciato di «stipulare più accordi internazionali» per aumentare la propria rete difensiva – come riportato dal canale televisivo libico con base in Qatar Al Ahrar.

Di Maio in Libia: «Haftar sarà a breve Roma»

​Intanto, nella mattina del 17 dicembre, il ministro degli esteri italiano Luigi Di Maio è volato in Libia per incontrare i due leader della guerra civile. Lo scopo indiretto della visita era quello di riacquisire un ruolo guida nella ricerca di una soluzione di pace.

A tal proposito, l’Italia ha annunciato che nominerà un inviato speciale nel Paese, e che proverà a frenare quella che sembra essere una situazione sull’orlo della crisi finale: negli ultimi giorni, il generale della Cirenaica ha avviato una nuova e più intensa offensiva per conquistare Tripoli .

ANSA | Il ministro degli Esteri Luigi di Maio accolto dal suo omologo Mohamed Siala all’aeroporto di Tripoli. 17 dicembre 2019

«Ho avuto incontri proficui con Haftar e al Sarraj, e con loro sono stato molto chiaro», ha detto Di Maio rientrando in Italia, annunciando anche che Haftar sarà a Roma «nei prossimi giorni».

«Esiste una soluzione diplomatica alla crisi libica», ha concluso il ministro. «Siamo pronti a lavorare nell’ambito di conferenza Berlino (che dovrebbe tenersi a gennaio, ndR) ma anche direttamente come Italia a una soluzione politica».

Leggi anche: