Usa, Trump messo sotto impeachment dalla Camera. Il presidente: «È un assalto all’America»

Dopo un dibattito di 8 ore, la Camera ha approvato la procedura di impeachment contro il presidente Usa: è il terzo della storia

Donald Trump entra nella storia e diventa il terzo presidente americano a dover affrontare ora in Senato la messa in stato d’accusa (dopo Andrew Johnson nel 1868 e Bill Clinton nel 1998). La Camera, con 230 sì, ha approvato infatti i due articoli dell’impeachment contro il presidente.


A votare sono stati tutti i dem (tranne tre), mentre è stata compatta l’opposizione dei repubblicani, come ha subito sottolineato la Casa Bianca in un tweet.

 «È un grande giorno per la Costituzione – ha osservato Pelosi dopo lo storico voto – un giorno triste per l’America». Ora sarà il Senato a maggioranza repubblicana, a prendere in carico la procedura.

«Siamo riuniti oggi in questo tempio della democrazia per esercitare uno dei poteri più solenni: l’impeachment di un presidente degli Stati Uniti», aveva dichiarato Pelosi aprendo il dibattito, andato avanti per 8 ore. «Le azioni irresponsabili del presidente hanno reso l’impeachment necessario: non ci ha dato scelta», aveva rimarcato. «Questo è un assalto all’America e un assalto al partito repubblicano», ha replicato Trump.

Il primo articolo di impeachment accusa Trump di abuso di potere per il cosiddetto Ukraingate: avrebbe avanzato una serie di richieste volte a favorirlo politicamente usando come leva il blocco degli aiuti militari a Kiev. Mentre il secondo articolo, l’ostruzione del Congresso, riguarda l’ordine di non cooperare con l’inchiesta della Camera ai funzionari dell’amministrazione.

 Prima di Trump, sono stati due i presidenti finiti ufficialmente sotto impeachment: Andrew Johnson, nel 1868, per aver tentato di sostituire il ministro della Guerra senza passare dal Congresso; Bill Clinton, nel 1998, per aver mentito sulla sua relazione con una stagista, Monica Lewinsky, e ostacolato le indagini. In entrambi i casi, dopo il voto favorevole della Camera, il Senato aveva bocciato la rimozione. Nixon, nel 1974, si dimise dopo che la commissione Giustizia aveva approvato tre articoli dell’impeachment, ma prima che la Camera si esprimesse.

Leggi anche: