Sondrio, i funerali della bimba morta in ospedale. Il vescovo: «Reazioni disumane, cuore colmo di rammarico e tristezza»

L’amministrazione comunale si è fatta carico delle spese del funerale

Si sono svolti nella chiesa di San Rocco a Sondrio, i funerali di Mistura Alimi, la bimba di 5 mesi morta sabato 14 nel pronto soccorso dell’ospedale di Sondrio.

La mamma, che secondo alcune testimonianze sarebbe stata vittima di insulti razzisti provenienti dalla sala d’attesa del pronto soccorso, ha voluto che le esequie venissero celebrate in chiesa perché la famiglia della bimba è cattolica praticante.

Centinaia le persone che hanno partecipato. A presiedere il rito è stato don Giacinto Panfilo, direttore dell’istituto salesiano di Sondrio. Alla cerimonia hanno partecipato, in rappresentanza dell’amministrazione comunale (che ha pagato le esequie), anche alcuni rappresentanti dell’amministrazione locale, tra cui gli assessori Andrea Massera e Barbara Dell’Erba.

Il vescovo della diocesi di Como, monsignor Oscar Cantoni, ha fatto pervenire un suo pensiero di cordoglio. Qui il testo:

«Carissimi mamma Helly e papà Abdul Rasaki,

la morte della vostra piccola Mistura mi riempie di profonda tristezza. Mi hanno anche rattristato e sconcertato i racconti delle reazioni, profondamente disumane, che sono seguite all’udire le grida strazianti della mamma, espressione di sommo dolore, per la morte di Mistura.

Posso assicurare che l’animo dei sondriesi, ma anche degli abitanti della Valtellina (come di tutti i nostri diocesani), si discosta radicalmente da quanto è avvenuto, perché il cuore di tutti palpita di rammarico e soprattutto è colmo di tanta tenerezza nei vostri confronti e della vostra amatissima Mistura»

Leggi anche: