Iran, Rohani agli Usa: «Taglieremo i tuoi piedi dalla regione»

Il ministro degli Esteri di Teheran ha ribadito che «attaccare gli americani è un atto di legittima difesa»

È partita la risposta iraniana all’omicidio del generale Qasem Soleimani: la notte tra il 7 e l’8 gennaio oltre dodici missili hanno colpito la base americana di Ain al-Assad, a ovest di Baghdad, dove sono stazionate le truppe americane. Non ci sono ancora notizie certe sulle vittime, benché i media iraniani parlino di 80 morti.

La rivendicazione dell’attacco è stata immediata. La Guida Suprema dell’Iran Ali Khamenei ha dichiarato che «i missili di stanotte solo uno schiaffo, la vendetta è un’altra cosa». Il suo consigliere, Saeed Jalili, ha twittato la bandiera del Paese, un chiaro riferimento al tweet con cui Donald Trump ha celebrato l’uccisione di Soleimani.

Rohani: «Taglieremo i piedi agli Usa»

«Hai tagliato le braccia al generale Qasem Soleimani, noi taglieremo i tuoi piedi dalla regione», ha affermato il presidente Hassan Rohani parlando dell’uccisione del generale e giustificando così la risposta iraniana che ha attaccato le basi americane sul territorio iracheno.

Zarif: «Legittima difesa»

A metà mattinata, il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha affermato che l’attacco è stato condotto per «legittima difesa» contro un «attacco terroristico». «Subito dopo l’operazione – ha aggiunto Zarif – abbiamo mandato un messaggio agli americani usando i canali convenzionali».

Takht-e Ravanchi: «Diritto all’autodifesa»

La posizione iraniana è stata comunicata ufficialmente alle Nazioni Unite. In una lettera inviata al segretario generale Antonio Guterres, l’ambasciatore di Teheran all’Onu, Majid Takht-e Ravanchi ha ribadito che l’Iran «non vuole la guerra» con gli Stati Uniti, ma si riserva il «diritto all’autodifesa» e «prenderà tutte le necessarie e proporzionate misure contro ogni minaccia o uso della forza».

Sullo stesso tema: