Cresce il divario tra ricchi e poveri. L’Italia è il paese con i numeri peggiori – Il rapporto Eurostat

Il 20% della popolazione con i redditi più alti può contare su entrate superiori a sei volte rispetto ai ceti meno abbienti. La provincia di Bolzano è quella che ha meno disuguaglianze

In Italia i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri: il divario tra classi sociali non si colma e sembra essere destinato a irrobustirsi. Il 20% della popolazione con i redditi più alti può contare su entrate superiori a sei volte rispetto a quelle di coloro che fanno parte della fetta di popolazione più in difficoltà.

Il dato è contenuto in un nuovo rapporto firmato Eurostat che mette in relazione i diversi gruppi di reddito, dal quale emerge che questo divario nel nostro Paese, nel 2018, è aumentato passando dal 5,92% al 6,09%. Il massimo livello negativo era stato raggiunto nel 2016 con il 6,27%.

Con questi numeri, l’Italia registra l’andamento peggiore in classifica con altri paesi Ue – alcuni tra i più popolosi – come la Germania al 5,07%, la Francia al 4,23%, il Regno Unito al 5,95% e la Spagna al 6,03%, in deciso calo sull’anno precedente.

Italia: il focus

Se si guarda alle diverse Regioni (per queste i dati si riferiscono al 2017 con un indice nazionale del 5,9%) si registra un ampio divario con il Friuli Venezia Giulia che ha un indice del 4,1 tra il reddito disponibile del 20% più benestante e il 20% della popolazione che è più in difficoltà.

Il Veneto e l’Umbria segnano un indice del 4,2% mentre la Sicilia e la Campania registrano divari ampi con il 7,4%. Il Lazio segna un indice del 6,5 mentre la Lombardia si ferma al 5,4%.

La provincia di Bolzano è quella che ha meno disuguaglianze tra i redditi con una differenza di quattro volte tra il 20% più ricco e quello più povero.

C’è una differenza anche a seconda delle classi di età con gli over 65 che grazie alle pensioni resistono meglio e hanno un rapporto tra il 20% con i redditi più alti e il 20% con i redditi più bassi del 4,86%, mentre gli under 65 hanno un rapporto del 6,55, in crescita rispetto al 2017 quando era al 6,34%.

Leggi anche: