Ferrara, a Piazzapulita «l’audio che può imbarazzare la Lega»

«Però mi devi giurare che da qui non esce nemmeno una frase, è una cosa delicata. Se lo sputi fuori mi brucio io», dice il vicecapogruppo in consiglio comunale di Ferrara

Stefano Solaroli aveva già scatenato polemiche per il video in cui, sdraiato a letto, impugnava una pistola, ora però la bufera in cui è finito il vicecapogruppo in consiglio comunale di Ferrara rischia di travolgere anche il suo partito: la Lega.

In un audio diffuso durante la trasmissione Piazzapulita su La7, si sente Solaroli proporre un posto pagato dal Comune di Ferrara in cambio di dimissioni. La destinataria della proposta è un’allora consigliera leghista, Anna Ferraresi, poi passata al Misto. La consigliera, a un certo punto, avrebbe rotto con i vertici del partito che per questo avrebbero voluto «farla fuori».

La donna racconta al giornalista Alessio Lasta che la ragione della rottura con i vertici starebbe nelle denunce da parte della consigliera dei disservizi e delle problematiche della città. «Finché c’era il governo di sinistra le mie segnalazioni erano ben viste, invece quando la Lega è andata al governo sono diventata quella che “crea zizzania”», spiega Ferraresi.

È la stessa Ferraresi a denunciare la proposta che le avrebbe fatto Solaroli: «un lavoro a tempo indeterminato per il Comune a 1400 euro». Il lavoro sarebbe stato quello di hostess sul trenino turistico attivo a Ferrara.

«A me sei venuta subito in mente tu perché sei una rompica***, così ti cavo dai c***** e non ti vedo più», dice Solaroli. E continua: «Tu sai che è incompatibile con il ruolo di consigliera…». Del piano, sempre secondo quanto dichiarato dal leghista, sarebbe stato a conoscenza anche l’attuale sindaco di Ferrara Alan Fabbri.

«Però mi devi giurare che da qui non esce nemmeno una frase, è una cosa delicata. Se lo sputi fuori mi brucio io», mette in guardia Solaroli. Ma il giorno dopo questa conversazione, il 20 novembre 2019, Ferraresi rifiuta la proposta. «Si tratta di una vicenda certamente deprecabile, ma che mi vede totalmente estraneo e che rimane ancora tutta da verificare», ha replicato Alan Fabbri.

In realtà, come ha spiegato sempre a Piazzapulita il presidente della CityRedBus che gestisce il servizio dei trenini in cui Soleroli avrebbe voluto piazzare Ferraresi, l’azienda è privata e non è finanziata dal Comune che «ci mette solo l’autorizzazione». E ha negato la possibilità che possa essere assunta una figura a tempo indeterminato, né indicata né pagata dal Comune.

Leggi anche: