Napoli, sgambetto alla Juve: per Sarri ritorno amaro

Zielinski e Insigne fanno impazzire il San Paolo. Ronaldo non basta ai campioni d’Italia

Il ritorno al San Paolo è amaro per Maurizio Sarri. La sua Juve incassa la seconda sconfitta stagionale perdendo 2-1 in una ripresa pirotecnica e dopo un primo tempo da elettroencefalogramma piatto e sbadigli a volontà.

La gara viene decisa nel secondo tempo quando sale in cattedra Lorenzo Insigne. Al 62′ da una sua progressione centrale, fin troppo agevolata dalla dormiente difesa juventina, nasce il tiro che Szceczny respinge dalle parti di Zielinski. Il polacco non sbaglia e il San Paolo viene giù.

La Juve, schierata inizialmente col tridente pesante, fa vedere poco e niente del Sarrismo e così, mentre il San Paolo continua a fischiare il suo ex eroe, Insigne piazza il raddoppio. Lo fa al minuto 86 con una girata sfruttando un assist di Callejon e una deviazione sfortunata di De Ligt.

E’ tripudio per la squadra di Gattuso che ha un ultimo avversario sulla via della vittoria: Cristiano Ronaldo, che a due dalla fine s’invola sul filo del fuorigioco e la riapre. Non basterà, però. Il Napoli infila la seconda vittoria consecutiva, Coppa Italia contro la Lazio compresa, e riparte a caccia dell’Europa League.

Foto di copertina Ansa