Coronavirus, anche lo sport evita la Cina: rinviati i Mondiali indoor di atletica leggera

Intanto la squadra di Wuhan, arrivata oggi a Malaga, non giocherà l’amichevole contro il Krasnodar. I russi si rifiutano di scendere in campo

Il coronavirus ferma anche i Mondiali indoor di atletica leggera, in programma a Nanchino nel marzo prossimo. World Athletic, la federazione internazionale di atletica leggera, ha fatto sapere che, in accordo con gli organizzatori cinesi, l’evento (che si sarebbe dovuto tenere dal 13 al 15 marzo) è stato rinviato di un anno, a marzo 2021.

«Sappiamo che la Cina sta facendo tutto il possibile per contenere il nuovo coronavirus – dichiara in una nota – ma è necessario fornire agli atleti, alle federazioni e ai partner indicazioni chiare in una situazione complessa e in rapida evoluzione».

Secondo World Athletic, la diffusione del coronavirus «è ancora a un livello preoccupante e tale da sconsigliare di portare avanti ogni grande evento che può essere rinviato». La stessa situazione che ha indotto a rinunciare all’ipotesi di spostare la sede dei Mondiali.

«Si è anche scelto di non annullare i campionati – aggiungono – per rispettare il desiderio degli atleti di partecipare all’evento, quindi ora lavoreremo insieme, anche col comitato organizzatore di Nanchino, per fissare una data nel 2021, sperando di poter confermare la sede».

I russi di Krasnodar annulla partita con Wuhan

Intanto la squadra di calcio di Wuhan, città focolaio del coronavirus, è arrivata oggi a Malaga, in Spagna, per un periodo di preparazione. Ma subito è scattato l’allarme al punto che il Krasnodar, squadra russa che avrebbe dovuto giocare un’amichevole con i cinesi, ha deciso di annullare l’impegno.

«I miei ragazzi non sono portatori di virus ma giocatori di calcio», ha detto il tecnico, lo spagnolo Josè Gonzalez. «Il periodo di incubazione è passato, ma abbiamo comunque un medico in contatto con le autorità sanitarie spagnole sulle condizioni dei giocatori», ha aggiunto.

La squadra, infatti, è lontana da Wuhan dal 3 gennaio scorso e nessuno di loro, secondo il ministero della salute spagnolo, presenta i sintomi del coronavirus. Nei prossimi giorni in Costa del Sol è attesa un’altra squadra cinese, il Dalian Yifang di Rafa Benítez.

Leggi anche: