Il rilancio dei rapporti Italia-Russia. Di Maio a Lavrov: «Missione Ue in Libia anche via terra, se autorizzata»

Il ministro degli Esteri e quello della Difesa, Lorenzo Guerini, hanno accolto i loro omologhi alla Farnesina. Sulla Libia: «Mosca fondamentale per il dialogo tra le parti»

Riparte oggi, 18 febbraio, il modulo 2+2 tra Italia e Russia, ossia il bilaterale tra ministri della Difesa e degli Esteri. Lorenzo Guerini e Luigi Di Maio hanno infatti incontrato alla Farnesina i loro omologhi, rispettivamente Sergej Sojgu e Sergej Lavrov. Durante la conferenza stampa, i ministri italiani hanno ricordato l’importanza dei rapporti con Mosca. «Con la Russia condividiamo interessi comuni, in campo commerciale, ambientale ma non solo. Nel 2019 le esportazioni in terra russa sono sensibilmente cresciute, questo perché il loro mercato é molto interessato al made in Italy», ha detto Di Maio.

Messa da parte la parentesi dedicata ai convenevoli, i ministri passano al tema della sicurezza europea, «un tema fondamentale». Guerini e Di Maio hanno fatto riferimento al controllo che i due Paesi dovranno esercitare sul traffico indisturbato di armamenti in terra libica. Lavrov ha dichiarato che continueranno a cooperare con l’Italia. «La soluzione al conflitto dovrà essere diplomatica, non attueremo attacchi di tipo militare. Sarà importante avere un atteggiamento costruttivo, a partire dalla riunione nel formato 5-5 di domani a Ginevra», ha detto Di Maio.

Il ministro degli esteri italiano ha citato poi la possibilità di una missione via terra: «La missione in Libia sarà aerea, navale e terrestre se sarà autorizzata dalle parti in causa. Il pattugliamento aereo e marittimo avverrà con attrezzature militari, ma la postura dell’Ue non è di guerra bensì legata all’affermazione della pace». Ma il rilancio dei rapporti Ue-Russia passa anche dalla soluzione per risolvere la crisi in Ucraina: per l’Italia la soluzione della crisi in Ucraina passa anche per la «centralità degli accordi di Minsk». Una soluzione a questa crisi «consentirebbe di rilanciare rapporti tra Ue e Russia, affrontando anche il nodo delle sanzioni», ha detto Di Maio.

Leggi anche: