Ergastolo per Massari: uccise l’ex compagna al karaoke con 6 colpi di pistola. Poi la fuga e la consegna in carcere

Dopo l’omicidio l’uomo fuggì per poi consegnarsi il giorno dopo al carcere di Sanremo

È stato condannato all’ergastolo Domenico “Mimmo” Massari, l’uomo che il 13 luglio 2019 uccise la ex compagna Deborah Ballesio con sei colpi di pistola mentre stava cantando al karaoke vicino al mare, ai bagni Aquario di Savona, dove faceva l’animatrice. Questa la decisione della Corte d’Assise di Savona. Il pm Chiara Venturi aveva chiesto l’ergastolo e l’isolamento.

Dopo l’omicidio l’uomo fuggì per poi consegnarsi il giorno dopo al carcere di Sanremo. Massari ha sostenuto di aver ucciso non per motivi sentimentali, ma economici, perché si sentiva «truffato» dalla ex. In particolare, l’ uomo aveva aperto con i propri soldi (frutto anche del traffico di droga) un night club intestato alla donna.

A spiegare le ragioni del gesto fu lo stesso Massari, quando lesse la sua ricostruzione col supporto di un testo durante un’udienza. Quando il rapporto con la donna si era interrotto, lui aveva chiesto indietro la propria parte di danaro minacciando di dare fuoco al locale, minaccia che poi mise in atto quando la donna si rifiutò di dargli i soldi. Per questo venne arrestato.

Dopo tre anni di carcere era uscito ma, quando era andato a prelevare del denaro che aveva sotterrato in un campo, aveva trovato i contenitori vuoti. Per Massari a trafugare i soldi era stata Deborah Ballesio, e per questo aveva deciso di vendicarsi.

Leggi anche: