«Basta poco, e tutto tornerà a fermarsi»: ecco lo spot della regione Veneto contro la movida – Il video

«I dati dicono che andiamo verso una situazione di tranquillità, ma il ‘giro di boa’ lo vedremo giovedì, per capire se la mancanza del rispetto delle regole con la ‘movida’ ha portato danni», dice Zaia

L’Italia è in piena fase 2, dopo il lungo lockdown causato dalla pandemia di Coronavirus. E il primo weekend di riapertura, più o meno a regime, di bar e locali vede anche il ritorno della movida nelle strade e nelle piazze di tutta Italia. Troppo, per gli amministratori locali: il rischio che i contagi risalgano è alto. C’è chi corre ai ripari con coprifuoco (a Perugia alle 21, a Brescia alle 21.30), e c’è chi, per il momento, prova la carta della sensibilizzazione.

Lo fa la Regione Veneto con uno spot postato in giornata sulla sua pagina Facebook dal governatore Luca Zaia. Scene come quelle che abbiamo cominciato a (ri)vedere in questi giorni, da nord a sud. Gente che beve e chiacchiera: scene da aperitivo. «Basta poco. Qualche centimetro in meno, una svista, una pacca sulla spalla. Una risata innocente e una stretta di mano. Una leggerezza. E tutto tornerà a fermarsi», dice lo spot, alternando le immagini dell’happy hour a quelle della terapia intensiva e di pazienti attaccati al respiratore.

Il video da oggi verrà diffuso sui social, per sensibilizzare i cittadini al rispetto delle regole nei momenti di svago e negli aperitivi in piazza: «Il Covid-19 si combatte in ospedale, ma soprattutto fuori», è lo slogan che chiude il filmato. 

Il commento di Zaia

«I dati dicono che andiamo verso una situazione di tranquillità, ma il ‘giro di boa’ lo vedremo giovedì, per capire se la mancanza del rispetto delle regole con la ‘movida’ ha portato danni», dice il governatore veneto Luca Zaia nella quotidiana conferenza stampa sulla situazione Covid-19 in regione. Il governatore ha sottolineato l’importanza del calo dei positivi «specie dopo l’aumento delle aperture e quindi di una crescita della socializzazione in questa prima settimana».

In copertina ANSA/Filippo Venezia | Piazza dei Signori, Vicenza, 22 maggio 2020.

Video Facebook/Luca Zaia

Leggi anche: