L’eclissi solare che saluta l’arrivo dell’estate: ecco quando e come vederla

Purtroppo in Italia sarà visibile in forma moderata solo da Roma in giù. Ma sul sito Virtual Telescope sarà possibile godersela in live streaming

Una notte speciale per gli appassionati di astronomia quella tra il 20 e il 21 giugno di quest’anno: a pochissime ore di distanza si verificherà sia il solstizio d’estate, sia la prima eclissi anulare del Sole del 2020. Il solstizio scatterà alle 23:44 ora italiana, mentre l’eclissi si verificherà a partire dalle 6:56.

L’eclissi anulare di Sole è un’eclissi parziale: il disco della Luna non copre completamente quello del Sole e la silhouette del satellite sarà circondata da un fascio di luce decisamente suggestivo. «Questo accade non tanto perché l’allineamento fra Sole e Luna non è perfetto – ha osservato l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del sito Virtual Telescope – ma perché la Luna è lontana dalla Terra e di conseguenza il suo disco appare più piccolo, al punto da non riuscire a coprire del tutto il Sole».

Lo spettacolo sarà visibile soprattutto in Asia e in Africa, mentre in Italia si potrà sbirciare soltanto dalle Regioni del Centro-Sud – ma qui l’evento sarà caratterizzato da una modestissima – quasi sfuggente – copertura del disco solare. Per chi non vorrà perderselo, comunque, c’è sempre il live streaming programmato su Virtual Telescope.

La fascia di osservabilità è una sottile linea che comprende India e Pakistan fino al Corno d’Africa e nelle zone più interne del continete. In queste zone gli abitanti potranno vedere un anello di fuoco disegnarsi nel cielo, mentre dall’Italia lo spettacolo sarà – purtroppo! – molto diverso. Da noi l’eclissi sarà visibile in forma parziale solo da Roma in giù, mentre dall’Italia centro-settentrionale sarà impossibile osservarla.

La regione più fortunata sarà la Sicilia: a Catania il fenomeno sarà visibile per circa un’ora, dalle 6:56 alle 7:57, e nel Gargano, a Peschici, dalle 6:11 alle 7:55. Chi vorrà godersela da Roma dovrà aspettare le 7:18, ma durerà solo fino alle 7:55. Ma a Roma il disco solare sarà intaccato da quello della Luna appena per lo 0,5%, mente in Sicilia la copertura prevista è di circa il 6%.

Vale comunque la pena di alzare gli occhi al cielo, ma con le precauzioni sempre d’obbligo ogni volta che c’è un fenomeno del genere: non bisogna mai guardare il Sole senza protezioni adeguate se non si vogliono rischiare danni permanenti alla vista.

Leggi anche: