Si ride a crepapelle o si piange disperati. Come va il 2020 secondo le emoji di Twitter (e ci sono anche quelle per il Covid)

Tra i simboli più utilizzati, quello che esprime perplessità e quello che si rotola dalle risate

Dev’essere stato un anno all’insegna delle risate a giudicare dai risultati delle statistiche sull’uso delle “facce” rilasciate da Twitter oggi, 17 luglio, in concomitanza con la Giornata mondiale delle Emoji. Secondo il social network, infatti, l’emoji più utilizzata sulla piattaforma – nel periodo tra il primo gennaio e il 10 luglio 2020 quindi inclusa l’emergenza Coronavirus– è stata quella che ride con lacrime di gioia. A seguire, quella che piange, disperata. Completa il podio l’emoji che esprime preoccupazione.

In quarta posizione troviamo poi l’emoticon che si rotola dalle risate; gli occhi a cuore al quinto, l’emoji pensosa al numero 6. Poi la fiammella al numero 7. Ottava posizione per l’emoji innamorata; emoji perplessa al numero 9 e in ultima posizione l’emoticon dall’espressione dubbiosa.

Le tendenze, rispetto al 2019, rimangono pressoché le stesse. Tuttavia, il 2020 ha visto alcuni cambiamenti nella top 10, con tre nuovi emoji che si inseriscono in classifica solo a partire da quest’anno. La faccia sorridente con gli occhi a forma di cuore ha visto un aumento del 119%. Anche l’emoji a forma di fiamma ha avuto un incremento nell’uso del 290%. L’ascesa più grande è stata per l’emoji preoccupato, con un picco di utilizzo del 415% rispetto allo scorso anno.

Emoji e Covid

COURTESY OF TWITTER | La classifica emoticon durante il Covid

Twitter ha poi annunciato, oltre alla classifica “standard”, un fuori programma: ovvero le 10 emoticon più utilizzate durante la pandemia da Coronavirus. Tra quelle maggiormente usate, spiccano le emoji legate al concetto di “casa” e le facce che esprimono preoccupazione. «L’impatto del Covid sulle nostre conversazioni e nei comportamenti è evidente nelle tendenze di utilizzo delle emoji rispetto allo scorso anno», ha affermato Twitter in una nota. 

«Ci sono stati picchi di utilizzo per il carrello della spesa, per la mascherina e per gli emoji che esprimessero il concetto di igiene per le mani, insieme a cali di utilizzo per gli emoji relativi a viaggi, partecipazione a eventi e tagli di capelli».

In copertina: COURTESY OF TWITTER | La classifica delle emoji più utilizzate nel 2020

Leggi anche: