Covid-19, ultime notizie – Nuovi contagi in tre scuole a Bologna. L’ultimo bilancio di Afp: superati i 30 milioni di casi al mondo

Mentre un’intera classe del Liceo Scientifico Righi di Bologna dovrà domani effettuare il tampone, a New York gli studenti delle elementari non ritorneranno a scuola in presenza. In Sudafrica il calo del Pil previsto secondo l’Ocse sarebbe a due cifre. Aumentano i casi anche in Turchia dove i ricoverati in terapia intensiva sono più di cinque volte quelli in Italia

Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Ci sono 29,9 milioni di persone positive al Coronavirus nel mondo. Secondo i dati della Johns Hopkins University, il Paese più colpito sono ancora gli Stati Uniti, con 6,6 milioni di contagi registrati e più di 197 mila vittime. Subito dopo ci sono l’India, con oltre 5,1 milioni di casi e più di 83 mila decessi, e il Brasile, con più di 4,4 milioni di positivi tracciati e oltre 134 mila vittime registrate finora. Il bilancio dei decessi legati alla Covid-19 è di oltre 942 mila persone.

FRANCIA

EPA/GUILLAUME HORCAJUELO | Marsiglia, France

Per l’Afp ci sono 30.000.062 casi al mondo

Secondo un calcolo dell’agenzia France Press il numero totale di casi di Coronavirus al mondo avrebbe superato la soglia dei 30 milioni. Più precisamente, il totale sarebbe 30.000.062 con 932.086 vittime. Si tratta di un numero più alto rispetto alle stime della John Hopkins University, che danno il numero totale di casi a 29.992.968 e i decessi a quota 942.939.

Ad ogni modo, i dati dell’Afp e della John Hopkins si assomigliano per quanto riguarda la classifica dei Paesi con il numero più alto di contagio: al primo posto troviamo gli Stati Uniti seguiti dall’India e dal Brasile. Anche in questo caso però il numeri divergono leggermente. Per esempio secondo l’Afp negli Stati Uniti i casi sono 6.650.570 e le vittime 197.364, mentre la John Hopkins sono rispettivamente 6.662.256 e 197.397.

Sempre secondo l’Afp – i cui calcoli sono aggiornati e si basano su dati ufficiali – il numero di casi e di decessi in India e in Brasile sono rispettivamente 5.118.253 casi con 83.198 vittime (India) e 4.419.083 casi con 134.106 morti (Brasile).

La crisi economica post Covid arriva nelle piazze: manifestazioni a Parigi

ANSA/IAN LANGSDON | Una donna indossa la mascherina mentre passa in bicicletta davanti alla Tour Eiffel a Parigi, Francia

Nel mezzo della crisi innescata dal Coronavirus, il primo ministro francese Eduard Philippe si era dimesso lasciando a luglio il suo posto a Jean Castex. Ed è lui ora a trovarsi davanti la sua prima giornata di mobilitazione sociale. In diverse città della Francia, prima di tutte Parigi, tre sigle sindacali (CGT, Solidaires e Fsu) hanno organizzato cortei e scioperi per portare l’attenzione del governo alla crisi economica che sta investendo il Paese. Da tutta la Francia arrivano infatti notizie di licenziamenti.

Dopo la fase più acuta dell’epidemia di Coronavirus alcune delle più grandi società del Paese devono fare i conti con piani di ridimensionamento: da Auchan a Airbus, passando anche per il gruppo automobilistico Renault. Uno degli esempi di questa tendenza è l’annuncio della chiusura di Bridgestone, nella città di Bèthune. Qui la fabbrica di pneumatici dava lavoro a 863 persone. Esattamente come in Italia, anche in Francia ora il governo sta capendo come usare il Recovery Fund per tamponare questa situazione.

TURCHIA

EPA/ERDEM SAHIN | Istanbul, Turchia

Altri 1.648 casi e 66 morti in 24 ore

Non rallenta l’epidemia di Coronavirus in Turchia. Stando a quando riportato dal ministro della Salute turco, Fahrettin Koca, nelle ultime 24 ore il Paese ha registrato 1.648 casi, a fronte di 109.985 test effettuati e 66 decessi per Covid. Ad oggi i pazienti in terapie intensiva sono più di cinque volte quelli in Italia, ovvero 1.372 mentre il numero totale dei contagiati è salito a quota 263.745.

Nelle ultime settimane in Paese ha vissuto una recrudescenza dell’epidemia, con tassi di infezione giornalieri in lento ma costante aumento. Per arginare la diffusione del virus, la scorsa settimana il ministero dell’Interno turco ha reso obbligatorio indossare le maschere all’esterno in tutte le province, una misura che prima veniva applicata soltanto nelle città più colpite. Il governo ha anche reintrodotto un limite numero limiti di passeggeri per il mezzi di trasporto pubblico, vietando ai passeggeri di viaggiare in piedi sugli autobus.

BRASILE

EPA/Joedson Alves | Jair Bolsonaro

Positivo anche il presidente della Corte suprema e il procuratore generale

Dopo il presidente Jair Bolsonaro (poi guarito), il Coronavirus non risparmia la politica brasiliana. Nel Paese sono risultati positivi ben 14 governatori su un totale di 27. L’ultimo, secondo il portale di notizie G1, è il governatore di Mato Grosso do Sul Reinaldo Azambuja. Prima di lui è risultato positivo Ibaneis Rocha, governatore di Brasilia, come anche Joao Doria, governatore di San Paolo e Wilson Witzel, di Rio de Janeiro.

Questa settimana in Brasile sono risultati positivi al tampone anche il presidente della Corte suprema, Luiz Fux, e lo speaker della Camera dei deputati, Rodrigo Maia, mentre oggi ha annunciato la positività anche il procuratore generale, Augusto Aras. In passato era stato contagiato anche il presidente del Senato, Davi Alcolumbre. Nel Paese, stando ai dati di John Hopkins, i contagi sono 4.419.083 mentre le morti sono 134.106.

ITALIA

ANSA/LUCA ZENNARO | L’aula di una scuola elementare

Sospese le lezioni in un istituto a Sarno dopo un caso positivo

La ripresa della scuola in presenza non è andata come doveva in un istituto privato a Sarno, comune di circa 30mila abitanti in Campania. Le lezioni sono state sospese e 14 alunni sono stati messi in isolamento dopo che un ragazzo è risultato positivo al Coronavirus. Il bambino è figlio di un altro caso già positivo nei giorni scorsi.

Anche i genitori degli altri alunni in auto isolamento dovranno effettuare un test. Nel frattempo, come scrive un quotidiano locale, le lezioni potranno riprendere tra tre giorni, il tempo necessario per sanificare tutti gli ambienti e i locali della scuola. Oggi in Campania sono stati registrati altri 195 casi.

Contagi in tre istituti scolastici

ANSA/FABIO FRUSTACI | Un’aula di una scuola superiore

Più di 30 persone positive per ognuno dei tre istituti scolastici di Bologna in cui nelle ultime ore sono stati riscontrati nuovi casi di Covid-19. A comunicarlo è l’Ausl della città secondo cui i contagi avrebbero riguardato tre studenti asintomatici. Il Liceo Ginnasio “Minghetti”, il Linguistico “Bassi” e lo Scientifico “Righi” sono le tre scuole coinvolte nella trasmissione del virus, per cui il Dipartimento di Sanità Pubblica è intervenuto.

La collaborazione con studenti e insegnanti al momento sta andando avanti con la presa in carico dei positivi e dei non meno importanti contatti stretti. In questo caso i compagni di classe e il personale docente. In particolare al liceo Righi domani un’intera classe effettuerà il tampone.

L’anti-influenzale arriverà dall’estero

 due fiale con campioni di vaccino
EPA/Antonio Lacerda | Due fiale con campioni di vaccino

Le dosi di vaccino anti-influenzale da acquistare in farmacia arriveranno dall’estero. A farlo sapere è il presidente di Federfarma Marco Cossolo che, riferendosi alla popolazione attiva non appartenente alle fasce protette, spiega da dove arriveranno le forniture da poter acquistare al dettaglio.

L’indicazione di rivolgersi al mercato estero è contenuta nell’intesa Stato-Regioni, come spiega anche Cossolo. «Saranno gli importatori a contattare le aziende internazionali e a presentare il dossier all’Aifa» continua il presidente, chiarendo come i controlli dovranno continuare poi anche da parte dell’Associazione italiana del farmaco, a cui spetterà l’autorizzazione definitiva.

In Sardegna resta l’obbligo di mascherine per tutto il giorno

ANSA / FABIO MURRU | Controlli a Caloforte, Isola di S. Pietro

Il Tar della Sardegna dato il via libera all’ordinanza firmata dal governatore Christian Solinas per quanto riguarda l’obbligo di usare sempre la mascherina, in tutti gli ambienti al chiuso o all’aperto dove esista un rischio concreto di assembramento. Non solo. Nell’ordinanza, in vista della riapertura delle scuole, la percentuale di posti disponibili sui mezzi di trasporto è stata portata all’80%. Nell’Isola la maggior parte degli istituti sono ancora chiusi: l’apertura infatti è prevista per il 22 settembre.

Al momento in Sardegna il numero dei pazienti positivi è arrivato a 1.480. Era il 17 maggio quando Solinas parlava di una regione che fosse Covid Free, sicura anche per i turisti: «Siamo stati i primi in Italia a chiudere porti e aeroporti oggi dobbiamo capitalizzare questo sacrificio mantenendo la percezione a livello internazionale che questa è una destinazione turistica Covid free». In poche settimane i casi di contagio sono esplosi, tanto che a metà agosto la regione era diventata la regione con il più alto indice di contagi confrontati con la popolazione.

Il Tar sospende l’ordinanza di Solinas sui tamponi obbligatori per chi arriva nell’Isola

ANSA/FABIO MURRU | Il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas

Sempre il Tar però ha bocciato il piano di Solinas per i test obbligatori a chiunque arrivi in Sardegna, a partire dal 14 settembre. Il Tar ha accolto infatti il ricorso avanzato dal Governo e così l’ordinanza è stata sospesa. Il decreto è stato firmato dal presidente del Tribunale amministrativo Dante D’Alessio. L’udienza su questo caso è stata fissata per il 7 ottobre.

Negli scorsi giorni l’ordinanza era stata criticata dal ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia, che aveva dichiarato: «Quello che non è ammissibile è che in queste ore alcune regioni, penso a Piemonte e Sardegna, approvino delle ordinanze per proprio conto, dopo aver chiuso all’unanimità con tutte le altre regioni accordi che hanno messo in sicurezza».

I genitori di due studenti sono positivi: 2 classi in quarantena

ANSA/LUCA ZENNARO | Una classe di Genova, 15 settembre 2020

Una situazione risolta – per il momento – da un preside. A Cisliano, comune in provincia di Milano, i genitori di due bambini sono risultati positivi al Coronavirus e due classi sono finite in quarantena precauzionale. Le linee guida regionali non prevedono che scatti l’isolamento fiduciario senza un caso accertato di Covid-19 in classe, visto che la quarantena riguarda i contatti stretti con i positivi.

Ma, invece di aspettare il risultato dei tamponi sui due bambini, il dirigente scolastico e l’Ats di Milano hanno deciso di prendere il massimo della precauzione possibile. Ora, grazie anche ai canali preferenziali decisi dalla regione per studenti e insegnanti, si spera che i risultati sui due bambini possano arrivare il prima possibile così da permettere al resto degli alunni di tornare a scuola. Loro due, invece, dovranno continuare in ogni caso la quarantena di 14 giorni.

USA

EPA/PETER FOLEY | New York, Stati Uniti

A New York gli studenti non ritornano a scuola

La città ha bisogno di più tempo. Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha motivato così la proroga dell’inizio della scuola in presenza. Un ritorno nuovamente ritardato per la maggior parte degli studenti delle scuole elementari, che studieranno solo a distanza per ora fino al 29 di settembre. Per scuole medie e superiori il remoto continuerà fino al 1° ottobre.

Anche i sindacati sono d’accordo con la decisione presa dal sindaco della Grande Mela, esortando a prendere più tempo «affinché gli istituti possano prepararsi ad accogliere di nuovo gli studenti». Asili nido e istituti speciali di istruzione saranno invece gli unici a riprendere le lezione di persona lunedì prossimo, come era stato previsto dall’inizio.

SUDAFRICA

EPA/SIPHIWE SIBEKO | Soweto, Sudafrica

Economia in ginocchio, secondo l’Ocse la contrazione del Pil è a due cifre

La banca centrale del Sudafrica annuncia un calo dell’economia di circa l’8,2% per l’anno 2020, con la previsione ancora più preoccupante di una perdita a due cifre. Covid-19 è la causa principale di questo disastro annunciato. Un effetto pandemia che ha avuto e continua ad avere un impatto devastante sull’economia del Paese.

«La banca ora prevede una contrazione del PIL dell’8,2% nel 2020», ha detto il governatore Lesetja Kganyago, «rispetto alla contrazione del 7,3% prevista per cento prevista a luglio». In un rapporto di mercoledì, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) con sede a Parigi ha dichiarato che il PIL del Sud Africa sarebbe probabilmente diminuito dell’11,5%.

Da giugno, il governo sudafricano ha gradualmente consentito alle imprese di riprendere le operazioni nel tentativo di sostenere l’economia. Anche le frontiere verranno aperte ai viaggi internazionali a partire dal prossimo mese.

REGNO UNITO

EPA/ANDY RAIN| Oxford Street a Londra, Regno Unito

Tornano i lockdown localizzati

Chiusure localizzate per quasi 2 milioni di persone. Il nord-est del Regno Unito torna il lockdown, seppure a macchia di leopardo, estendendo le restrizioni già introdotte nelle scorse settimane, a Birmingham, Bolton o Leicester, anche a diversi comuni come NewCastle e Sunderland. Nella contea di Durham le misure più severe, riguardanti soprattutto contatti sociali e aperture di pub e locali pubblici.

Il ministro della Sanità britannico Matt Hancock ha motivato le nuove decisioni definendole una «risposta immediata alle preoccupazioni derivate dai nuovi contagi». Nel nord-est del Paese infatti i tassi di trasmissione al momento vanno da 70 a 103 casi diagnosticati per 100 mila abitanti. Intanto il ministro annuncia l’investimento pari a 450 milioni di sterline per rendere ancora più efficienti i pronto soccorso del Paese, «dobbiamo essere pronti per l’inverno», ha spiegato.

CINA

EPA/ROMAN PILIPEY | Tianhe International Airport a Wuha, Cina

Riaprono i voli internazionali nella zona zero

Wuhan, in Cina, riapre ufficialmente ai voli internazionali. La zona zero dell’epidemia di Covid-19 pone fine a un blocco di circa otto mesi, riaprendo il traffico aereo. La Cina aveva interrotto i voli internazionali a marzo a causa dell’aumento dell’allarme globale sulla diffusione del virus. Ora, considerando sotto controllo il flusso di trasmissione, procede sulla strada di normalizzazione, allentando le restrizioni di viaggio.

Un volo operato dal vettore sudcoreano T’way è atterrato proprio mercoledì mattina all’aeroporto internazionale Tianhe di Wuhan con 60 passeggeri. Ad accoglierli funzionari con tute ignifughe bianche, maschere e visiere che hanno proceduto al controllo dei passaporti. Per i viaggiatori invece è stato necessario dover superare un test entro le 72 ore dalla partenza, per poi dover rispettare le due settimane di quarantena una volta atterrati.

La compagnia aerea sudcoreana T’way opererà un volo settimanale di andata e ritorno tra Wuhan e l’aeroporto internazionale di Incheon, mentre Pechino e Shanghai, consentendo già voli internazionali diretti, hanno rafforzato le procedure per i visti e i controlli sanitari.

OMS

ANSA | La sede dell’Oms a Ginevra, Svizzera

Hans Kluge: «La situazione che si sta verificando in Europa è molto grave»

L’avviso arriva da Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms): «I nuovi casi settimanali di Coronavirus hanno superato quelli segnalati quando la pandemia ha colpito per la prima volta a marzo». Kluge ha parlato anche di «trend allarmante», visto che «oltre metà dei Paesi europei hanno registrato aumenti di oltre il 10% nelle ultime due settimane. In sette Paesi, l’aumento è stato più del doppio. La situazione è molto grave».

Sempre dall’Oms arriva anche la conferma sul numero di giorni che dovrebbe durare la quarantena: «La nostra posizione resta per una quarantena di 14 giorni, nell’interesse dei pazienti», a dirlo questa volta è la funzionaria Catherine Smallwood. Ed è sempre lei che spiega come gli Stati europei dovrebbero guardare al modello svedese, dove non c’è stato nell’ultimo periodo un aumento dei contagi: «Penso che ci siano lezioni da imparare dall’approccio svedese, in particolare sulla sostenibilità e il coinvolgimento dei cittadini».

ISRAELE

AFP/AHMAD GHARABLI | Lavori di sanificazione davanti alla Porta di Damasco, Gerusalemme

Diminuiscono leggermente i nuovi contagi ma domani comincia il lockdown

Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi in Israele sono stati 4.537, poco meno di ieri, quando la cifra raggiunta è stata invece oltre i 5mila. Cifre parecchio alte, contando che la popolazione del Paese arriva a 8,8 milioni di abitanti. I pazienti positivi al Coronavirus in questo momento sono 44.984, di cui 549 in gravi condizioni e 140 ricoverati in terapia intensiva. Le vittime totali dall’inizio dell’epidemia sono arrivate a 1.165.

Israele è pronto al prossimo lockdown. Entrerà in vigore domani alle 14 e dovrebbe durare almeno tre settimane. Almeno, perché è possibile che la sua durata venga prolungata. Israele è il primo Paese al mondo a entrare per la secondo volta in lockdown, una strategia che invece molte altre nazioni, Italia compresa, stanno cercando di evitare.

GERMANIA

EPA/FELIPE TRUEBA | Manifestante protesta per la crisi economica post Covid a Berlino, 9 agosto

Superati i 2mila nuovi contagi in un giorno

Negli ultimi giorni i dati sui nuovi contagi in Italia si sono attestati su una quota che oscilla tra 1.000 e 1.500. Nei Paesi confinanti questa quota però è già più alta. Un esempio è la Germania, che nelle ultime 24 ore è arrivata a 2.194 casi, una cifra significativa, visto che le ultime volte che era stata superata la barriera dei 2 mila casi era il 21 agosto e il 24 aprile. I contagi sono molto diffusi soprattutto nel Sud-Est del Paese, nella regione della Bavaria.

In un’intervista pubblicata sul quotidiano la Repubblica il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha spiegato che per salvarsi da questa epidemia occorre prima di tutto coordinare un lavoro di squadra con i diversi Stati: «In Germania e anche in altri Paesi europei all’inizio dell’emergenza vi è stato, come per riflesso, un ripiegamento verso l’interno. Anche la chiusura dei confini doveva servire alla lotta contro la diffusione del virus. Ciò ha scatenato critiche e ha gravato sulle reciproche relazioni. Molto presto ci si è accorti che nessun Paese avrebbe potuto sconfiggere da solo il virus».

INDIA

EPA/PIYAL ADHIKARY | Kolkata, India, 14 settembre 2020

Altro record di infezioni giornaliere: +97.895 casi

La situazione Coronavirus in India è ancora fuori controllo. Nelle ultime 24 ore, il Paese asiatico ha registrato un aumento mai toccato prima: stando ai dati comunicati dal Ministero della Salute, sono 97.895 i nuovi casi di Covid-19. Il totale dei casi registrati fin dall’inizio del monitoraggio sale così a oltre 5,1 milioni. Una cifra che la pone dietro solamente agli Stati Uniti d’America.

Anche le vittime del Sars-Cov-2 sono molte: nell’ultimo giorno sono decedute 1.132 persone. Il numero totale di vittime nel Paese sale così a 83.200. «Preghiamo per avere la forza di superare questa pandemia globale», ha scritto su Twitter il primo ministro Narendra Modi.

ONU

EPA/SALVATORE DI NOLFI | Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres

Guterres: «Il Coronavirus è la minaccia numero uno alla sicurezza globale»

Mercoledì 16 settembre Antonio Guterres, il segretario generale dell’Onu, ha tenuto un discorso all’Assemblea Generale in concomitanza con l’inizio del nuovo anno di lavori alle Nazioni Unite. Nella conferenza stampa successiva ha dichiarato che la pandemia da Coronavirus è ancora fuori controllo e che rappresenta «la minaccia principale alla sicurezza globale».

Per questo, ha sottolineato il segretario generale, è necessario cooperare per la realizzazione e la distribuzione di massa di un vaccino, arginando anche la disinformazione che potrebbe convincere le persone a non vaccinarsi.

Link utili:

Leggi anche: