Cambio al vertice di Legacoop Piemonte: arriva Dimitri Buzio

Le cooperative piemontesi nel solo 2019 hanno prodotto un fatturato di quasi 3 miliardi di euro

Il quarantacinquenne Dimitri Buzio è stato eletto oggi presidente di Legacoop Piemonte. Nel ringraziare il gruppo dirigente che l’ha preceduto, a cominciare dall’ex presidente Giancarlo Gonnella, nel discorso di insediamento ha parlato delle nuove sfide che attendono le cooperative piemontesi.


“Mi auguro che la cooperazione possa essere sempre più protagonista. – ha detto il nuovo presidente – Non bisogna pensare alla cooperativa come a una forma imprenditoriale residuale rispetto ad altri modelli di impresa perché dove è presente arricchisce l’offerta. Le nostre cooperative svolgono ruoli fondamentali sul territorio per quanto riguarda i servizi, la grande distribuzione, l’assistenza agli anziani e alle fasce più deboli della popolazione. 

Dopo il lockdown

Buzio ha parlato anche della difficile fase post emergenza Covid: “Quella che stiamo vivendo è una fase di grande incertezza. La pandemia ha avuto ripercussioni sul mondo economico e produttivo e non sappiamo cosa ci aspetti nei prossimi mesi. I dati statistici parlano di un’economia piemontese tornata indietro di 12 anni, al pieno della crisi economica”.

Certamente, i risultati appena chiusi sono di tutto rispetto. Nel 2019, stando ai dati che lo stesso Buzio ha reso noti, le 446 cooperative associate di Legacoop Piemonte hanno fatto registrare un valore di produzione di quasi 3 miliardi di euro (2.852.200.000) pari al 2,6 per cento del Pil piemontese.  Nel complesso contano 688.500 soci e 30mila occupati.