TECNOLOGIA :

TikTok verso l’Europa: investimento da 500 milioni di dollari per l’apertura di un centro dati in Irlanda

L’app cinese di proprietà di Bytedance aveva archiviato tutti i dati utenti negli Stati Uniti, con una copia di backup a Singapore

Paradiso fiscale delle aziende hi-tech, l’Irlanda si prepara a ospitare anche TikTok che ha annunciato di voler aprire un data center a Dublino. Il centro – primo in Europa – raccoglierà i dati degli utenti europei della app cinese, con un investimento stimato attorno ai 500 milioni di dollari, stando a quanto riportato da Bbc. Fino ad oggi l’app di proprietà di Bytedance aveva archiviato tutti i video, messaggi e altri dati degli utenti negli Stati Uniti, con una copia di backup a Singapore. L’annuncio apre un nuovo capitolo nell’internazionalizzazione del colosso cinese alle prese nelle ultime settimane con un braccio di ferro con il presidente americano Donald Trump.

Il capo della Casa Bianca ha accusato l’app di rappresentare un rischio per la sicurezza nazionale e ha minacciato di bandirla dagli Stati Uniti, costringendo la proprietà a trattare la vendita delle operazioni statunitensi a Microsoft. Secondo Trump i legami tra l’app e il governo cinese metterebbero a rischio la sicurezza nazionale a causa del possibile passaggio di informazioni – in particolare dei dati degli utenti – al partito comunista cinese.

Ma la casa madre Bytedance, con sede a Pechino, nega l’accusa. Tuttavia, è in trattativa per vendere le sue operazioni negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda a Microsoft. La start-up cinese, con un valore di mercato attorno ai 100 miliardi di dollari, si era già detta disposta a una cessione parziale delle sue quote nelle operazioni americane di TikTok. Ora l’azienda guarda all’Europa: «è un investimento significativo», ha detto Theo Bertram, il direttore di TikTok per le operazioni europee. «È un simbolo del nostro impegno a lungo termine verso l’Europa – ha aggiunto Bertram – e penso che sia un messaggio importante per i nostri utenti».

Leggi anche: