MONDO CinaTikTokUSA

TikTok, la ByteDance sarebbe disposta a cedere le sue quote negli Usa

La mossa dell’azienda è arriva dopo che Trump ha annunciato che vieterà TikTok negli Usa, accusandola di essere uno strumento nelle mani di Pechino per spiare gli americani

ByteDance, la società cinese proprietaria di TikTok, si sarebbe detta disposta a cedere tutte le quote statunitensi della famosa app di condivisione video. Lo riporta il sito di Reuters che cita fonti vicine al dossier. La mossa dell’azienda è arrivata dopo che Donald Trump ha annunciato che vieterà TikTok negli Usa, accusandola di essere uno strumento nelle mani di Pechino per spiare gli americani.


La decisione di ByteDance fugherà i dubbi attorno alla posizione di Trump: così facendo si vedrà se la strategia di Trump era una tattica di negoziazione o se è davvero interessato a bannare dal Paese la app da 800 milioni di utenti attivi ogni giorno, solo negli Usa.

Già in precedenza la ByteDance aveva provato a rimanere nelle partecipazioni azionistiche statunitensi di TikTok, ma la Casa Bianca aveva già respinto l’ipotesi. Ora l’azienda parrebbe essere disposta a uscire completamente dai giochi e, come rivelato ieri dal New York Times, il prossimo proprietario potrebbe essere Microsoft – anche se Trump si è detto fortemente contrario all’ipotesi.

Attualmente, circa il 70% degli investitori esterni di ByteDance proviene dagli Stati Uniti. Secondo le fonti di Reuters, ad alcuni di loro potrebbe essere data la possibilità di prendere quote di minoranza. Al momento, però, non si hanno informazioni ufficiali: né la Casa Bianca né Pechino hanno risposto alle richieste di conferma dei giornalisti.

Leggi anche: