Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Me ne vado, anzi no. Il mistero delle dimissioni di Giulia Grillo dal M5s

Rettifica dopo l’intervista pubblicata sul sito de “La Stampa” dove si annunciava l’addio ai pentastellati: «Tranquilli, sono del Movimento e non me ne vado», ha detto su Facebook l’ex ministra

Giulia Grillo lascia il Movimento 5 Stelle. Anzi no. La notizia dell’abbandono ai pentastellati, da parte dell’ex ministra della Salute, è circolata in giornata insieme ad una sua intervista rilasciata al quotidiano La Stampa. Secondo quanto riportato dal quotidiano torinese, Grillo avrebbe dichiarato: «La mia esperienza con il Movimento 5 stelle è al capolinea. La verità è che sono molto stanca. Ripeto le stesse cose da mesi, ma vedo sempre delle resistenze al nostro interno che non permettono al Movimento di evolversi». Insomma destinazione Gruppo misto e parole che sembravano abbastanza chiare e inequivocabili, senonché nel pomeriggio è arrivata una clamorosa smentita su Facebook.


«In queste ore c’è stato un misunderstanding incredibile, per cui io sarei passata al Misto, ovviamente non è così – ha esordito l’ex ministra -. Ho avuto una chiacchierata con il giornalista e lui mi dice: “Farai il futuro capogruppo?”, e io dico “anche no ma piuttosto me ne vado”. Chiaramente è stata una battuta. Una battuta anche provocatoria, una di quelle che si fanno in momenti di difficoltà ed esasperazione perché si, questo è vero, ci sono delle cose che non vanno bene nel Movimento 5 Stelle, ma io questo l’ho sempre detto», ha osservato Grillo.


«Tranquillizzo tutti – ha proseguito – non sono passata al Misto e spero di non dovermene mai andare dal Movimento perché per me sarebbe molto doloroso. Quello che ho sempre detto lo ribadisco: rifondare la linea politica, riorganizzare il Movimento, niente cose calate dall’altro e evitare di perdere ancora tempo in chiacchiericci e interviste», ha sottolineato, concludendo con un chiaro: «Tranquilli, sono del Movimento e non me ne vado». Mistero dunque.

Leggi anche: