Europa League, sfuma il sogno dell’Inter: in finale vince il Siviglia

Ai nerazzurri non bastano Lukaku (al 34esimo gol in stagione) e Godin: gli andalusi si impongono con il punteggio di 3-2, confermandosi squadra regina della competizione

Sfuma all’ultima curva il sogno europeo dell’Inter, sconfitta in finale di Europa League dal Siviglia. Allo stadio RheinEnergieStadion di Colonia, i nerazzurri di Antonio Conte si sono arresi per 3-2 agli andalusi, squadra regina della competizione, al sesto trionfo nella competizione.


De Jong risponde a Lukaku

Nerazzurri in vantaggio dopo soli cinque minuti. Lukaku scappa via sulla fascia destra e supera di fisico Diego Carlos, che lo butta giù. L’arbitro indica il dischetto: dagli 11 metri il belga non sbaglia, siglando il 34esimo gol in stagione ed eguagliando il record di Ronaldo alla sua prima stagione interista. Il vantaggio degli uomini di Conte dura solo sette minuti: al 12esimo Luuk de Jong sfrutta l’assist perfetto di Jesus Navas e, di testa, batte Samir Handanovic.

Pari di Godin prima dell’intervallo

Al 33esimo, ancora de Jong, ancora di testa: questa volta l’assist, su calcio piazzato dalla trequarti, è di Ever Banega: De Jong taglia alle spalle della difesa nerazzurra e sigla il 2-1 andaluso. Al 36esimo, il calcio piazzato dalla trequarti è per l’Inter: Marcelo Brozovic pennella per Diego Godin, che fa 2-2 prima dell’intervallo.

Il 3-2 di Diego Carlos

Nel secondo tempo, occasioni da una parte e dall’altra. Lukaku sbaglia la palla del possibile 3-2 e, al 75esimo, è complice suo malgrado del gol del vantaggio andaluso: da un’altra punizione, la sfera arriva a Diego Carlos, che si coordina in rovesciata: la sua conclusione viene deviata dal centravanti nerazzurro, prima di infilarsi alle spalle di Handanovic. Negli ultimi minuti, l’Inter cerca di riversarsi in avanti alla ricerca del gol del pareggio. Ci va vicino al 90esimo Antonio Candreva, ma il fortino del Siviglia regge, fino al fischio finale. L’Europa League parla andaluso, ancora una volta.

Leggi anche: