Sondaggio, nelle Marche il centrodestra in vantaggio di 16 punti: trema per la prima volta la roccaforte Pd

Divario ampissimo tra il candidato del centrosinistra e lo sfidante di Fratelli d’Italia che guida la coalizione di centrodestra unita

Per la prima volta la Regione Marche potrebbe passare nelle mani del centrodestra. Secondo il sondaggio Winpoll-Cise per il Sole 24 ore, il candidato del centrodestra Francesco Acquaroli è in vantaggio su Maurizio Mangialardi del centrosinistra di quasi 16 punti. L’esponente di Fratelli d’Italia guida la coalizione di centrodestra unita con il 51,8%, mentre l’esponente del Pd è stimato al 36,1%. Terzo il candidato del M5s Gian Mario Mercorelli con l’8,9%.


A circa 20 giorni dal voto per le elezioni Regionali, a fare da ago della bilancia sono quindi in parte gli elettori grillini, ma soprattutto gli indecisi, che rappresentano il 24% del campione, e chi pensa di astenersi dal voto, circa il 22%. Ben più limitato il bacino elettorale del M5s al quale potrebbe puntare il candidato del centrosinistra per colmare il divario. Un’impresa resa ancora più complicata dalla legge elettorale prevista nelle Marche, secondo la quale non è previsto il voto disgiunto, che avrebbe permesso al M5s di puntare ai voti di lista, sacrificando quelli per il candidato presidente.

A segnare invece il balzo del centrodestra nelle Marche sono in particolare la crescita della Lega, che alle ultime Regionali del 2015 aveva ottenuto il 13% dei voti, mentre oggi è stimata al 23,3%. E c’è anche il salto di Fratelli d’Italia, che cinque anni fa aveva raccolto il 6,3% e oggi viene valutato al 18,1%.

Leggi anche: