Leo Messi apre al clamoroso dietrofront. Il padre: «Potrebbe restare al Barcellona»

Prende forza l’ipotesi del rinnovo per un altro anno. A giugno 2021, il fuoriclasse argentino sarebbe libero di partire a parametro zero

Leo Messi potrebbe restare al Barcellona. Intercettato dai microfoni di Deportes Cuatro, il padre della Pulce, Jorge Messi, ha detto: «Se stiamo studiando una possibilità per restare? Sì». Parlando della riunione con il presidente del Barça Josep Bartomeu, Messi senior ha detto che «è andata molto bene». La notizia che il clan di Messi stesse seriamente valutando la possibilità di rimanere a Barcellona, rispettando il contratto che lega il giocatore al club per un altro anno, per poi svincolarsi a parametro zero, era stata anticipata da alcuni media argentini.


I media argentini: «Al 90% resta al Barcellona»

Nel corso di una trasmissione molto seguita in Argentina, è stata l’emittente TyC Sports a rivelare: «Messi sta valutando molto seriamente la possibilità di rimanere un altro anno. Al 90% resta al Barcellona», ha detto il conduttore Martin Arevalo. Questa ipotesi è stata poi ripresa da altri media argentini e si è diffusa sui social. La conferma del padre, ora, rende l’ipotesi molto più concreta. Jorge Messi è ancora in Catalogna e oggi potrebbe di nuovo riunirsi con gli avvocati che seguono la vicenda.

Intanto da Barcellona filtra la notizia che Jorge Messi è a casa del figlio Lionel, con il quale nel pomeriggio discuterà sul da farsi, e in particolare della possibilità di rispettare il contratto che lega la Pulce al Barcellona fino a giugno del 2021. Dopo questa data, il giocatore sarebbe libero di andarsene a parametro zero. E cresce la sensazione che alla fine l’argentino opterà per questa soluzione.

Il vertice con Bartomeu

Ieri s’è tenuto un vertice di un’ora e mezza tra Bartomeu, il dirigente blaugrana Javier Bordas e Jorge e Rodrigo Messi, quest’ultimo fratello del fuoriclasse argentino. Novanta minuti di discussioni che non parevano avere portato a una schiarita. Nei giorni scorsi era emersa l’intenzione di Leo Messi di andarsene, e di farlo senza pagamento della clausola rescissoria.

Infatti la postilla del contratto che gli permetteva di andarsene gratis entro il 10 giugno, sosteneva il clan della Pulce, è rimasta in vigore perché il campionato non è finito dei tempi previsti a causa della pandemia. Invece il Barcellona ha continuato a pretendere il pagamento dei 700 milioni della clausola.

Bartomeu aveva comunque precisato che il Barcellona considera Messi «il punto centrale del suo progetto». Il padre della Pulce s’era poi lasciato andare a un «è difficile che Leo rimanga» che lasciava poco spazio ai dietrofront. Alla porta il Manchester City e il Psg, club forti dei loro petrodollari, rimanevano le opzioni più probabili. Ora la schiarita, improvvisa. Che potrebbe condurre alla permanenza di Messi in blaugrana. Almeno per un altro anno.

Leggi anche: