Speronata dal fratello perché ha una relazione con un uomo trans, muore una 20enne a Napoli: «Le volevo solo dare una lezione»

Ferito il fidanzato, un uomo trans di 22 anni che Antonio Gaglione ha picchiato una volta caduto per terra, accusandolo di aver plagiato sua sorella

Maria Paola Gaglione aveva 20 anni. Venerdì scorso è morta sul colpo dopo essere caduta con il suo scooter, sul quale viaggiava insieme al fidanzato, un uomo trans di 22 anni, perché suo fratello, Michele Gaglione, 25 anni, li ha speronati a bordo della sua moto. Il 25enne è stato arrestato dai Carabinieri: avrebbe provocato volontariamente la caduta della coppia, tamponandola con violenza.

Come riporta il Mattino, ai militari Gaglione ha provato a giustificarsi: «Ho fatto una stronzata. Non volevo uccidere nessuno, ma dare una lezione a mia sorella e soprattutto a quella là (il compagno trans, ndr) che ha “infettato” mia sorella che è stata sempre “normale”»

Gaglione non ha mai accettato la relazione di sua sorella con un uomo trans di 22 anni, accusandolo di aver plagiato la ragazza all’omosessualità. Il 22enne sarebbe rimasto ferito ma non in gravi condizioni.

«La storia di Maria Paola è molto triste, non ci ho dormito. Ho battezzato lei e il fratello Michele, quest’ultimo l’ho anche sposato qualche anno fa – ha detto don Maurizio Patriciello, parroco al Parco Verde di Caivano, dove vive la famiglia Gaglione».

«Non credo volesse davvero uccidere la sorella, forse voleva darle una lezione, saranno le indagini a stabilirlo. Di certo non era preparato culturalmente a vivere la relazione della sorella con un’altra donna». Nei prossimi giorni sarà don Maurizio a officiare i funerali della ragazza.

Leggi anche: