Due femminicidi nella notte a Padova e Catanzaro. La donna uccisa in Veneto aveva già denunciato suo marito

di Redazione

Due donne sono state uccise questa notte dai propri compagni. Prima dell’omicidio di Padova, la donna aveva già segnalato le violenze del marito

In Italia, ogni 3 giorni, una donna è vittima di femminicidio. Le donne uccise nei primi dieci mesi del 2020 sono state 91, secondo il rapporto Eures sul femminicidio, pubblicato in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Un bilancio che si aggrava già nelle ultime 24 ore, dopo gli omicidi di due donne in Calabria e in Veneto.


A Cadoneghe, in provincia di Padova, la vittima di 40 anni è stata uccisa con una coltellata al petto da parte del marito, che ha poi chiamato i carabinieri. Dietro il gesto dell’uomo ci sarebbe stato uno scatto di gelosia. L’uomo era stato già denunciato dalla moglie per il suo comportamento violento, ma la donna poi sembra aver ritrattato.


A Catanzaro è stato fermato un 36enne per l’omicidio di una donna con cui aveva una relazione. Il corpo è stato trovato sugli scogli a Staletti ieri sera, 24 novembre. Dal primo esame sul cadavere, la donna è stata ferita più volte con un coltello a lama lunga. Da almeno un giorno i famigliari non avevano più sue notizie.

Leggi anche: