Uomini armati attaccano una scuola in Nigeria: 400 studenti risultano scomparsi

Al momento non c’è stata nessuna rivendicazione. Torna lo spettro del 2014, quando Boko Haram rapì 276 studentesse

Almeno 400 studenti sono scomparsi dopo l’attacco a una scuola in Nigeria da parte di un gruppo di uomini armati. Una notizia che evoca il ricordo del sequestro, avvenuto nel 2014, di 276 studentesse dall’istituto di Chibok, ad opera del gruppo jihadista Boko Haram. Il timore è che gli studenti siano stati rapiti, anche se una parte, dopo essere riusciti a fuggire dall’istituto scavalcando i muri di cinta, potrebbero essersi rifugiati nella foresta, riportano fonti della polizia al quotidiano britannico The Guardian.


L’attacco e lo scontro a fuoco con la polizia

L’attacco, che al momento non è stato rivendicato, ha avuto luogo la sera di venerdì 11 dicembre, nello Stato di Katsina, nella Nigeria nord-occidentale: poco dopo le 21.30 un gruppo di uomini armati ha attaccato un istituto secondario dove si trovavano almeno 600 studenti. La polizia, accorsa sul posto dopo una chiamata arrivata dalla scuola, ha ingaggiato uno scontro a fuoco con gli assalitori, durante il quale alcuni studenti hanno cercato di mettersi in salvo scavalcando le mura di cinta della scuola e riparando nella foresta. Altri, secondo le testimonianze rese alla polizia, sono stati rapiti e portati via.

Il precedente del 2014

«Circa 400 studenti sono scomparsi, le squadre d’intervento stanno lavorando con l’obiettivo di trovare o soccorrere gli studenti dispersi», ha detto un portavoce della polizia. «Stiamo lavorando a fianco delle autorità scolastiche per accertare il numero reale degli studenti dispersi e/o rapiti». Quello di venerdì è l’ultimo attacco in ordine di tempo a una scuola da parte di uomini armati in Nigeria. Il più grave è stato quello dell’aprile 2014 quando un gruppo di terroristi rapì 276 ragazze dalla scuola di Chibok, nello Stato nord-orientale di Borno. Un centinaio di loro risultano tuttora disperse.

Leggi anche: