Coronavirus, quasi 4 milioni di dosi di vaccino somministrate in tutta Italia

Tra le aree più virtuose ci sono Valle d’Aosta, provincia di Bolzano e Toscana. Poco più di 4 mila dosi somministrate alla fascia 16-19 anni

Sono 1.360.883 le persone in tutta Italia vaccinate – e che hanno quindi ricevuto di fatto sia la prima che la seconda dose di vaccino anti-Covid: in due giorni, poco meno di 20 mila persone in più. Sono quasi 4 milioni le dosi in totale somministrate in tutto il paese (3.921.947), per un ammontare di 5.198.860 di vaccini distribuiti (3.905.460 Pfizer/BioNTech, 1.048.800 per AstraZeneca e 244.600 per Moderna). I punti territoriali e ospedalieri di somministrazioni sono passati da 293 a 1432.


La suddivisione delle somministrazioni, secondo la fotografia scattata dal consueto monitoraggio governativo, vede 2.430.480 donne e 1.491.467 uomini che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino: 881.020 nella fascia più vaccinata, quella tra i 50 e i 59 anni, 4.059 in quella meno vaccinata, cioè quella tra i 16 e i 19 anni. Valle d’Aosta, provincia di Bolzano e Toscana in testa alla classifica delle zone più virtuose in termini di percentuale di dosi somministrate sul totale di quelle consegnate.

2.279.771 somministrazioni sono state effettuate nella categoria in assoluto più vaccinata, ovvero quella del personale sanitario e sociosanitario, seguita da 680.132 somministrazioni nel personale non sanitario, 453.662 tra gli italiani e le italiane con più di 80 anni, 385.609 ospiti delle Rsa, 76.091 tra il personale scolastico e 46.682 in quello delle Forze Armate.

Leggi anche: