Chi è Mariangela Zappia, la prima donna a ricoprire il ruolo di ambasciatrice dell’Italia negli Usa

Con un passato tra le delegazioni italiane all’Onu, alla Nato, e all’Ue, la diplomatica 61enne ha sostituito Armando Varricchio a Washington

Cambiano i volti, e i nomi, della diplomazia italiana all’estero. La Farnesina, guidata dal ministro degli Esteri Luigi di Maio, ha deciso la scorsa settimana che per la prima volta il rappresentate diplomatico dell’Italia negli Stati Uniti sarà una donna. Mariangela Zappia è infatti la nuova ambasciatrice d’Italia a Washington. Zappia prende così il posto di Armando Varricchio, assegnato invece a Berlino. Prima di questo incarico, l’ambasciatrice 61enne, originaria del mantovano, era stata la rappresentante permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite.


Una carriera tra le delegazioni italiane all’Onu, alla Nato e all’Ue

Dal 2014 al 2016, Zappia aveva occupato lo stesso incarico presso il Consiglio Atlantico (NATO) a Bruxelles. Zappia ha ricoperto anche diversi ruoli in Europa. Tra questi, quello che dal 2011 al 2014 l’ha vista essere nominata come Capo della Delegazione dell’Ue presso le Nazioni Unite a Ginevra. Zappia ha avuto diversi incarichi nazionali, tra cui quello di coordinatrice sui temi della violenza di genere, donne, pace e sicurezza durante la presidenza Italiana G8 nel 2009. Tra il 2016 e il 2018 invece Zappia era stata consigliere diplomatico del presidente del Consiglio dei ministri durante i governi Renzi e Gentiloni.

Gli studi

Mariangela Zappia, laureata in scienze politiche all’università di Firenze nel 1981, ha poi ottenuto una specializzazione in studi diplomatici nella stessa università. La sua carriera diplomatica è iniziata nel 1982 presso presso il Servizio Stampa e Informazione del Ministro degli Affari Esteri. Successivamente ha ottenuto diversi incarichi sia presso il Consolato Generale a New York, sia presso l’Ambasciata d’Italia a Dakar, in Senegal.

Leggi anche: