Figliuolo: «Ad aprile 8 milioni di dosi: immunità a settembre con 500 mila vaccini al giorno»

Per accelerare il commissario ha ampliato nuovamente il numero di siti in cui effettuare le vaccinazioni: ci sono anche strutture della Cei

La linea è sempre la stessa: accelerare la campagna vaccinale anti Coronavirus approfittando delle chiusure, aumentando i siti di vaccinazione e ampliando la platea dei vaccinatori, ma soprattutto sperando che le dosi promesse arrivino per tempo a destinazione. Stando a quanto dichiarato oggi dal generale Paolo Figliuolo alle commissioni riunite Affari sociali di Camera e Senato, al momento è così. «Le previsioni circa le forniture di vaccini per il mese di aprile confermano il trend attualmente in crescita – dichiara il commissario per l’emergenza -, con oltre 8 milioni di dosi in arrivo, 400 mila delle quali del tipo Johnson & Johnson», ovvero del vaccino monodose. Anche l’obiettivo per il prossimo mese rimane lo stesso annunciato il 20 marzo: arrivare a 500 mila somministrazioni al giorno, per ottenere l’immunità di gregge entro la fine di settembre.


Trovati altri 420 siti per le vaccinazioni

Effettivamente la campagna vaccinale ha subito un’accelerazione nell’ultimo mese, anche se viaggia a un ritmo di circa la metà rispetto agli obiettivi di Figliuolo. «Le forniture complessive di vaccini nel solo mese di marzo ammontano a oltre 7,6 milioni di dosi, sul totale di 14,2 milioni realizzato nel primo trimestre», aggiunge il generale. Secondo Figliuolo si vedono segni di miglioramento anche per quanto riguarda la vaccinazione degli over-80. «Ad oggi sono circa 3,7 milioni di dosi somministrate, un numero che cresce giorno dopo giorno». Sul fronte logistico invece il commissario ha annunciato l’aggiunta di altri 420 siti in aggiunta agli oltre duemila attualmente attivi. Tra questi ci sarebbero siti produttivi e parte della grande distribuzione, palestre, scuole ma anche strutture della Conferenza Episcopale Italiana (Cei)

Leggi anche: