A New York i primi arresti della polizia con l’aiuto dei robot in stile Black Mirror – Il video

Digidog, un modello speciale Spot, è sempre più usato dal Nypd. Ma il dibattito nell’opinione pubblica critica l’impiego di robot nelle operazioni di polizia

Digidog, il modello speciale di robot Spot del Dipartimento di Polizia di New York, è sempre più utilizzato dagli agenti. Nell’ultimo video, rilasciato da un’utente su Twitter, si vede il robot quadrupede partecipare alle operazioni di arresto di un uomo, avvenute lunedì 12 aprile sulla 28esima Est. «Non ho mai visto una cosa del genere», dice l’autrice della clip. Un portavoce del Nypd ha detto che il robot era in modalità stand-by e che non è stato utilizzato per la disputa domestica. Da quando i robot della Boston Dynamics sono stati messi in vendita, gli americani sono rimasti affascinati dagli Spot, che stanno cambiando il rapporto tra uomo e macchina.


Il loro impiego nell’ordine pubblico, tuttavia, sta sollevando questioni in tutto i Paese, sia attraverso progetti di denuncia artistica che con azioni legali. Da quando lo scorso ottobre un Digidog venne utilizzato per un’operazione nel Bronx, molte persone sui social network hanno criticato l’investimento di 74 mila dollari per acquistare un robot, soldi che «potrebbero essere spesi per altri servizi essenziali». Nell’ambito del dibattito sui tagli alla polizia, invece, il democratico del Concilio di New York Ben Kallos sta portando avanti un procedimento per vietare l’uso dei robot armati nella polizia della città.


Video: Twitter/@AucelloMelanie

Leggi anche: