Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Concertone del primo maggio, la Rai querela Fedez. Capitanio: «Diffamazione aggravata». Il cantante: «Orgoglioso»

«Quella sera sono state fatte e dette cose troppo gravi, sarebbe offensivo nel nostro ruolo fare finta di niente», dice il capogruppo in commissione Vigilanza Rai, sede in cui Fedez verrà presto ascoltato

A confermarlo è Massimiliano Capitanio, deputato della Lega e capogruppo nella commissione di Vigilanza Rai. La Rai querelerà Fedez: «Apprendiamo oggi che la Rai ha conferito mandato ai propri legali di procedere in sede penale nei confronti di Federico Leonardo Lucia, in arte ‘Fedez’, in relazione all’illecita diffusione dei contenuti dell’audio e alla diffamazione aggravata in danno della società e di una sua dipendente avvenuti in occasione del Concerto del 1° maggio». Capitanio spiega ancora che «si tratta di un atto dovuto. Quella sera sono state fatte e dette cose troppo gravi, sarebbe offensivo nel nostro ruolo fare finta di niente». Il deputato ha spiegato tuttavia che è stata accolta la proposta di Fedez di essere ascoltato in Vigilanza: «Noi speriamo solamente che emerga la verità: non abbiamo sete di vendetta e ci siamo già dichiarati disponibili ad accogliere la richiesta di Fedez di venire in audizione in Vigilanza». Durante il Concerto del primo maggio, trasmesso su Rai 3, il cantante Fedez ha accusato la Rai e gli organizzatori dell’evento di aver cercato di censurare il suo intervento


A pochi minuti dall’annuncio della querela è arrivata la risposta di Fedez con una serie di story su Instagram: «Sono orgogliosissimo a maggior ragione di quello che ho fatto, lo rifarei altre mille volte. Mi assumo le responsabilità di ciò che ho detto e ho fatto e quindi affronto le conseguenze però bisognerebbe ricordare come si è comportata la tv di Stato in questa faccenda». Il cantante si è poi rivolto direttamente a Capitanio: «Amico Fritz della Lega le cose che ho detto sono parole di gente del tuo partito che è ancora lì dentro a fare carriera e che intervistata dopo il Primo maggio ha ribadito che i gay e i matrimoni omosessuali porterebbero all’estinzione della razza umana».


Leggi anche: