Il valzer delle panchine, a fari spenti è quasi fatta per Simone Inzaghi all’Inter

Una litigata tra il presidente della Lazio, Claudio Lotito, e l’allenatore avrebbe portato a una brusca interruzione delle trattative per il rinnovo

Nel pomeriggio, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, aveva dato per certo il rinnovo del contratto al suo tecnico: «Annuncio del rinnovo di Inzaghi sino al 2024? A breve lo faremo». Un tentativo in extremis, visto che Simone Inzaghi aveva già iniziato la trattativa con l’Inter, in cerca del sostituto di Antonio Conte. Il tecnico della Lazio – che aveva avvisato la dirigenza biancoceleste dei contatti con i nerazzurri – sembrerebbe vicino a un accordo triennale con il club campione di Italia. L’ingaggio si aggirerebbe tra i 4 e i 5 milioni di euro a stagione. Il piacentino, tecnico della prima squadra della Lazio dal 2016, incassava 2,5 milioni di euro a stagione. L’Inter, pronta ad offrirgli circa il doppio, è vicina all’intesa con il procuratore dell’allenatore, Tullio Tinti, in queste ore a Milano. L’ultimo colloquio tra Inzaghi e Lotito, invece, sarebbe sfociato in una lite. L’allenatore avrebbe chiesto più tempo prima di prendere una decisione definitiva. Intanto, la dirigenza laziale si prepara a cercare un rimpiazzo: sarebbero stati avviati i contatti Sinisa Mihajlovic, attualmente allenatore del Bologna. Ulteriori conferme del passaggio di Inzaghi all’Inter sono arrivate dall’ad Beppe Marotta: «Nuovo allenatore? Entro stasera ci arriviamo. Ufficiosamente forse ce la facciamo».


Leggi anche: