Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La persecuzione degli uiguri, Pechino vuole tagliare 4.5 milioni di nascite entro il 2040 nello Xinjiang

Un rapporto diffuso dal ricercatore Adrian Zenz, e ottenuto in esclusiva da Reuters, mostra che l’obiettivo del governo cinese per i prossimi 20 anni è quello di sostituire la minoranza turcofona con la popolazione Han

Le politiche cinesi di controllo delle nascite sulla minoranza uigura nella regione dello Xinjiang potrebbero ridurre la popolazione fino a un terzo nei prossimi 20 anni. L’analisi arriva da un ricercatore tedesco, Adrian Zenz, uno dei massimi esperti a livello mondiale sullo Xinjiang e le politiche di repressione cinesi. Entro il 2040, secondo la ricerca ottenuta in esclusiva da Reuters e che sarà pubblicata sulla Central Asian Survey, le politiche sugli aborti e le sterilizzazioni forzate, già documentate nei mesi scorsi, potrebbero portare a tagliare di 4.5 milioni le nascite tra la minoranza uigura. Il governo cinese non ha reso pubblico alcun obiettivo ufficiale per ridurre la percentuale di uiguri e di altre minoranze etniche nello Xinjiang. Ma sulla base dell’analisi dei dati delle nascite ufficiali, delle proiezioni demografiche e dei rapporti etnici diffusi da accademici e funzionari cinesi, Zenz stima che le politiche di Pechino potrebbero aumentare la popolazione cinese Han nello Xinjiang meridionale dall’attuale 8.4% al 25%. Nel suo rapporto, Zenz osserva che le autorità dello Xinjiang avevano pianificato entro il 2019 «di sottoporre almeno l’80% delle donne uigure a pratiche di controllo delle nascite invasive, come interruzioni di gravidanza e sterilizzazioni».


La ricerca arriva mentre molte organizzazioni internazionali, e governi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Canada, hanno accusato la Cina di star attuando un genocidio culturale. L’obiettivo di Pechino è quello di eliminare la minoranza etnica, di lingua turfocona, e a maggioranza musulmana, sostituendola con la popolazione Han. Accuse che però la Cina rigetta parlando di sentimento di sinofobia da parte dell’Occidente. Secondo stime indipendenti, circa un milione di uiguri e di altre minoranze etniche dello Xinjiang sono stati rinchiusi in campi di detenzione. Per la Cina si tratta di campi di rieducazione, ma i racconti delle vittime parlano di stupri, torture e abusi.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: