Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Canada, trovati i resti di 761 persone in un’ex scuola di rieducazione: per la maggior parte appartengono a bambini indigeni

La scoperta arriva a un mese di distanza dal ritrovamento dei resti di 215 bambini nativi nel cortile di un altro ex istituto. Trudeau: «Prendiamo atto del passato per costruire un futuro migliore»

Sono i resti di 761 persone, principalmente di bambini nativi, quelli scoperti oggi, 24 giugno, nel sito di un’ex scuola di rieducazione cattolica nella provincia di Saskatchewan, in Canada. In mattinata la comunità di Cowessess aveva dato notizia della scoperta «orribile e scioccante» di oltre 700 tombe anonime durante gli scavi nell’ex collegio di Marieval. Le ricerche erano iniziate a maggio, a seguito del ritrovamento dei resti di 215 bambini a Kamloops, nella British Columbia, nel cortile di un’altra delle “Indian residential schools”, gli istituti fondati a fine Ottocento dal governo canadese e affidate per la maggior parte alla gestione dalla Chiesa cattolica. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato che il Canada deve prendere atto della sua storia di razzismo contro le popolazioni native allo scopo di «costruire un futuro migliore».


Si tratta della scoperta più significativa sino ad oggi per documentare gli abusi subiti dai bambini indigeni durante il periodo della colonizzazione: i ragazzini venivano allontanati dalle loro famiglie e portati nelle scuole allo scopo rieducarli alla cultura dominante, dove subivano deprivazioni, violenze fisiche e sessuali – come documentato dal National Center for Truth and Reconciliation. Tra il 1863 e il 1998, più di 150.000 bambini indigeni vennero sottratti alle loro famiglie e inseriti in queste scuole. Perry Bellegarde, a capo dell’Assemblea delle First Nations, ha descritto il ritrovamento delle tombe un evento «tragico ma non sorprendente»: «Chiedo a tutti i canadesi di esserci vicini in questo momento estremamente difficile», ha scritto Bellegarde su Twitter.


Immagine di copertina: Ansa, from NATIONAL CENTER FOR TRUTH AND RECONCILIATION

Continua a leggere su Open

Leggi anche: