Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il post bufala di Matteo Salvini con il falso benvenuto a Elsa Fornero

Matteo Salvini non ha dato il benvenuto a Elsa Fornero, lo screenshot del falso post Facebook riporta errori grafici evidenti

La presenza di Elsa Fornero, già ministra del Lavoro del Governo Monti, tra gli esperti e consulenti tecnici del Governo Draghi non è piaciuta al leader della Lega Matteo Salvini. Circola un’immagine, evidentemente creata ad arte, con un falso post Facebook del leader leghista dove darebbe il benvenuto all’ex ministra: «Diamo il benvenuto alla professoressa Fornero, che è stata da me indicata come consulente nel Consiglio di indirizzo per la politica economica del nostro Governo». L’immagine modificata è stata condivisa sia via Twitter che via Facebook.

Per chi ha fretta

  • Il post fasullo sarebbe rimasto online almeno un’ora, ma nessun organo di stampa lo ha ripreso.
  • Il post fasullo non coincide graficamente con quello originale riportato nell’immagine.

Analisi

Non c’è traccia del post, che sia stato cancellato? No! Come spesso capita, gli autori di questo genere di bufala lasciano qualche traccia di errore. Confrontando i due post, quello falso riporta un testo non allineato rispetto a quello originale del 2016 dove leggiamo: «La Fornero la manderei a PANE E ACQUA su un’isola deserta, visto che ha ROVINATO la vita a milioni di italiani! E a farle compagnia anche la parlamentare del PD che sostiene sia praticamente tutto risolto! VERGOGNA!».

Nell’immagine sottostante possiamo notare che il testo del post falso si trova decisamente più a destra di quello originale. Questa analisi è stata possibile allineando in precedenza le due foto e il nome della pagina Facebook, che nell’immagine bufala non sono neanche allineati.

Secondo l’immagine diffusa online, il post Facebook falso sarebbe rimasto disponibile per almeno un’ora dalla sua pubblicazione. Il tempo è fondamentale e, di fatto, nell’arco di almeno 60 minuti la notizia di tale post sarebbe stata riportata da diversi organi di stampa. Di fatto, nessuno ha riportato testo o link del presunto post.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: