Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Un 22enne si fa tatuare il QR code che rimanda al Green pass sul braccio: «I ristoratori faticano a credermi quando lo mostro»

Un tatuatore reggino ha disegnato sul braccio di Andrea Colonnetta un QR code che se inquadrato rimanda, attraverso un link, al codice del Green pass del ragazzo

Succede a Reggio Calabria dove un ragazzo di 22 anni, Andrea Colonnetta, si fa è fatto tatuare un QR code sul braccio. Se inquadrato, il QR code disegnato sulla pelle rimanda, attraverso un link, al codice del Green pass del ragazzo. Una decisione che sta facendo discutere. Andrea, studente di Scienze economiche, non ci ha pensato due volte e, con un pizzico di follia, si è affidato a un tatuatore reggino, Gabriele Pellerone, che ha disegnato il QR code in appena due ore. «È stato come dipingere un momento particolare della mia vita. Ho voluto rappresentare le difficoltà del momento attraverso un tatuaggio che resterà indelebile e rappresenterà un periodo storico della mia esistenza», ha raccontato lui al Corriere.


La prova del nove al ristorante

Il tatuaggio, sostiene il ragazzo, funziona davvero. Studente e tatuatore sono andati a verificare che il codice disegnato con accuratezza fosse realmente utile allo scopo. Dunque sono andati in un ristorante di una nota catena di fast food. «Erano tutti in fila a esibire chi sul telefonino, chi su carta, il Green pass. Quando è arrivato il mio turno, ho mostrato il braccio su cui mi ero fatto tatuare la certificazione. La persona che stava all’ingresso, mi ha guardato senza fiatare, chiedendomi cosa fosse. Quando gli ho spiegato che era il mio green pass e che avrebbe potuto strisciarlo per verificarne l’attendibilità, si è messo a ridere. Ho dovuto insistere e non poco, per convincerlo», ha spiegato Andrea. Insomma, per entrare nei locali ad Andrea basterà alzare il braccio.


Le critiche

L’artista che ha realizzato il tatuaggio ha dovuto subire diverse critiche. Molti hanno accostato questo tatuaggio al “marchio” dei tedeschi sugli ebrei. «Un paragone orrendo, sollevato sui social, probabilmente dai no vax che non hanno visto di buon occhio la scelta di Andrea», è il suo commento. E la famiglia di Andrea Colonnetta come l’ha presa? Il padre lo ha scoperto direttamente sul web. «L’unica cosa che mi ha detto è di pensare – ha concluso – di essere meno impulsivo quando decido di sottopormi a un tatuaggio».

Foto in copertina: ANDREA COLONNETTA | INSTAGRAM

Leggi anche: