Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Da Napoli a Vasto, quelli che scattano una foto all’interno della cabina elettorale (e vengono denunciati)

A Napoli sequestrati i telefonini a un diciannovenne e a un uomo di 42 anni. A Vasto consegnata a un elettore una scheda già votata

Hanno scattato una foto dentro alla cabina elettorale e per questo sono stati denunciati dai Carabinieri. È quello che è accaduto a un ragazzo di 19 anni del quartiere Chiaiano di Napoli e a un uomo di 42 anni del quartiere Marianella. Per entrambi – come accade a chiunque sia andato a votare per le elezioni comunali e come previsto – i presidenti dei due seggi elettorali avevano chiesto prima di entrare in cabina con le schede elettorali di lasciare fuori eventuali cellulari o comunque qualsiasi dispositivo elettronico. L’uomo e il ragazzo avrebbero, secondo le ricostruzioni, dichiarato di non avere telefoni. Peccato che poi dalla cabina si sia chiaramente sentito l’inconfondibile click della fotocamera. A quel punto sono stati chiamati i Carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli che hanno identificato e denunciato le due persone e hanno sequestrato loro i telefonini.


Anche a Vasto è stata denunciata nella sezione 6 dell’istituto “Palizzi” una ragazza per aver fotografato la scheda elettorale con il telefonino. Pure qui il gesto è stato notato dagli scrutatori che hanno notificato il fatto ai Carabinieri. Ora la ragazza rischia una sanzione fino a mille euro, mentre il telefonino è stato sequestrato ed è stata sequestrata e annullata la scheda. Sempre a Vasto, nella sezione 15 del seggio elettorale di una scuola elementare di via Bachelet, nel frattempo, a un elettore è stata consegnata una scheda elettorale con  il voto già segnato: l’uomo ha quindi segnalato il fatto agli scrutatori ed è intervenuta la Guardia di finanza.


In copertina ANSA / CIRO FUSCO | Le operazioni di pulizia e allestimento seggi in una scuola di Napoli dove si vota per le elezioni comunali, Torino, 2 ottobre 2021.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: