Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Luca Zaia non si è vaccinato per scelta? Il video tagliato diffuso sui social per disinformare

Un video tagliato e senza una data fa credere che Luca Zaia non si sia vaccinato contro la Covid, ma non è così

Riceviamo al numero Whatstapp di Open Fact-checking (+393518091911) un video in cui il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia avrebbe dichiarato di non essersi vaccinato «per scelta». La clip lo ritrae durante una delle consuete dirette per l’aggiornamento sui dati Covid, ma non risulta essere affatto recente. Risulta invece essere stato tagliato ad hoc, affinché si negasse agli utenti di ascoltare le ragioni di tale scelta in un preciso periodo della pandemia. Per la cronaca: Zaia si è vaccinato.

Per chi ha fretta

  • La condivisione del video è priva di una data. Il video risale a marzo 2021.
  • Il video risulta tagliato: è stata rimossa intenzionalmente la parte finale che permette di comprendere perché Zaia a quell’epoca non si era ancora vaccinato.
  • Zaia si è vaccinato.

Analisi

Oltre alle condivisioni Whatsapp, il video circola anche via Facebook dove gli utenti invitano gli amici ad ascoltare le parole di Zaia: «Per quanto riguarda, diciamo, i più puntigliosi: noi non è che predichiamo dei vaccini e qualcuno dice “Voglio vedere il libretto vaccinale di Zaia perché predica dei vaccini e son sicuro che lui non lo ha fatto!”. Certo che non l’ho fatto! Ma neanche l’assessore Lanzarin lo ha fatto, ma per scelta!».

In alto a destra è visibile il logo dell’Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev, ed è proprio grazie al servizio da lui fornito che possiamo recuperare l’intervento originale dal titolo «Zaia: “Non mi sono ancora vaccinato, priorità agli anziani”» risalente all’11 marzo 2021. Ecco la trascrizione del video completo:

Voglio vedere il libretto vaccinale di Zaia perché predica dei vaccini e son sicuro che lui non lo ha fatto!”. Certo che non l’ho fatto! Ma neanche l’assessore Lanzarin lo ha fatto, ma per scelta! Ma non perché siamo dei cacasotto, perché eticamente penso che prima lo debba fare una persona che ha 80 anni, 70 anni e dopo di che si passa a noi. Però se qualcuno vuole fare una chiamata di popolo e garantircelo subito, beh, se il popolo decide noi ce lo facciamo eh! Però, io lo trovo poco corretto nei confronti di quei pensionati che ci stanno chiedendo tutti i giorni di fare il vaccino.

La segnalazione pervenuta a Open

Luca Zaia si è vaccinato

Il 12 maggio 2021 il presidente della Regione Veneto aveva ricevuto la prima dose del vaccino, come riporta l’Ansa in un articolo dello stesso giorno: «È andata benissimo, le due alternative per la mia classe d’età erano Pfizer o Moderna, mi hanno dato Pfizer».

Luca Zaia ha ricevuto la prima dose del vaccino contro il Covid il 12 maggio 2021, all’età di 53 anni, nel centro vaccinale di Godega di Sant’Urbano (Treviso)

«Il vaccino non è obbligatorio, ma funziona»

In un intervento del 14 settembre 2021, il Presidente Zaia aveva rimarcato il fatto che il vaccino non è obbligatorio. Nell’intervento completo afferma nel finale: «È innegabile che il vaccino stia funzionando, dopodiché la volontarietà ti porta a decidere se vuoi partecipare a questa campagna vaccinale oppure no».

In un intervento successivo, datato 20 settembre 2021, Zaia afferma con rammarico che l’80% dei pazienti in terapia intensiva non si è vaccinato.

Conclusioni

Il video di Zaia è autentico, ma chi lo ha diffuso ha tagliato una parte dell’intervento utile a comprendere il contesto completo. Nel giorno dell’intervento del video Zaia non era ancora vaccinato. Ma non lo era per una questione etica poiché lasciava vaccinare prima le persone più fragili e anziane. Si è vaccinato poco tempo dopo.

Il presidente della Regione Veneto afferma di non voler imporre la vaccinazione obbligatoria. Aggiunge però che finché sarà volontaria verrà garantita. Con rammarico ricorda che i pazienti in terapia intensiva sono in larga maggioranza proprio i non vaccinati di fronte a un vaccino che invece funziona.

Leggi anche: