Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il Green pass anche fuori dall’Europa: ora è obbligatorio anche a San Pietroburgo e in Marocco

Nella seconda città della Russia più colpita dall’epidemia il certificato servirà per partecipare ai grandi eventi. Nel paese africano l’obbligo scatta da giovedì

San Pietroburgo e il Marocco introducono il Green pass obbligatorio. Nella seconda città più colpita dalla nuova ondata dell’epidemia di Coronavirusin Russia dopo Mosca il certificato servirà per partecipare a eventi nei grandi spazi al chiuso a partire dal primo novembre, nei centri sportivi, cinema, teatri e musei dal 15, e ristoranti e negozi dal 15 dicembre, secondo quanto ha fatto sapere il vice governatore Boris Piotrovski. La misura interesserà in un primo momento e provvisoriamente soltanto gli spazi con una capacità di oltre 40 persone. Secondo le regole vigenti nel paese possono avere il codice Qr tutti coloro che si sono vaccinati o che possono esibire il risultato negativo di un test effettuato nelle 72 ore precedenti.


In quali paesi il Green pass è obbligatorio

La Russia lunedì ha registrato un record di contagi da Coronavirus nelle ultime 24 ore per il quinto giorno consecutivo. Secondo il conteggio ufficiale del governo in 24 ore sono state identificate 34.325 contaminazioni, record dall’inizio della pandemia, e 998 morti. In Marocco invece il pass vaccinale sarà obbligatorio a partire da giovedì 21 ottobre. Il documento che si ottiene dopo la seconda dose di vaccino servirà per esempio per tutti gli spostamenti tra città e da una provincia all’altra, sia su mezzi di trasporto pubblici sia privati. Mentre senza pass non sarà possibile accedere agli uffici pubblici, privati o di qualsiasi tipo sia come dipendenti e funzionari sia come cittadini. Hotel e locali turistici, ristoranti bar e negozi, palestre e hammam chiederanno ai clienti di esibire il pass per farli entrare.


Attualmente in Europa sono stati rilasciati 600 milioni di certificati digitali. In tutto sono 43 i Paesi connessi al sistema, e 20 Stati Ue hanno usato il certificato anche a livello interno per l’ingresso ad esempio, a cinema o concerti. Tra i paesi dell’Unione Europea il Green pass è obbligatorio in Germania, dove dal 23 agosto in tutta la Repubblica Federale soltanto esibendo la certificazione è possibile restare all’interno di locali pubblici o privati, incluse le discoteche. Nessun obbligo per mezzi pubblici, treni, aerei (e luoghi di lavoro). In Francia il pass si richiede per luoghi ed eventi ad alta affluenza mentre è obbligatorio per il personale sanitario e parasanitario. Anche in Grecia il pass è obbligatorio mentre chi non è vaccinato deve effettuare due test del tampone a settimana.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: