Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Monitoraggio Gimbe, netto aumento dei contagi: +43% in una settimana. In crescita anche i ricoveri, calano le vaccinazioni (-53%)

Tra il 20 e il 26 ottobre tutte le Regioni tranne Sardegna e Valle D’Aosta registrano un incremento percentuale dei nuovi casi

Torna a crescere la curva dei contagi e dei ricoveri in Italia. Il monitoraggio della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 20-26 ottobre una crescita del 43% dei nuovi casi e del 7,5% dei ricoveri. I casi sono passati dai 17.870 della settimana precedente ai 25.585 di quella in esame. La crescita potrebbe essere in parte legata all’incremento dei tamponi totali. Ma il tasso di positività a quelli molecolari e l’andamento dei ricoverati con sintomi (+181) indicano una crescita nella circolazione del Coronavirus. «A livello nazionale – dichiara Nino Cartabellotta – dopo 7 settimane si registra un’inversione di tendenza dei nuovi casi settimanali che nell’ultima settimana aumentano del 43,2%, con una media mobile a 7 giorni che passa da 2.553 del 19 ottobre a 3.655 il 26 ottobre».


Attualmente positivi in aumento in 15 Regioni

Nella settimana 20-26 ottobre 2021 tutte le Regioni tranne Sardegna e Valle D’Aosta registrano un incremento percentuale dei nuovi casi. In 15 Regioni crescono i casi attualmente positivi. Sono 33 le province con un’incidenza maggiore di 50 casi per 100.000 abitanti: tra queste la provincia di Trieste registra oltre 150 casi per 100.000 abitanti. Diminuiscono invece i decessi: 249 negli ultimi 7 giorni (di cui 29 riferiti a periodi precedenti), con una media di 36 al giorno rispetto ai 39 della settimana precedente. Nell’ultima settimana calano anche le somministrazioni del vaccino anti Covid. Dal 20 al 26 ottobre sono state in media poco più di 152.000 al giorno. A diminuire, nonostante l’estensione del Green pass a tutti i luoghi di lavoro pensata proprio per incentivare le inoculazioni, sono anche le prime dosi. In sette giorni si conta infatti il 53% in meno di nuovi vaccinati. Mentre 11 milioni di dosi rimangono stipate in frigo.


Leggi anche: