Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Questa non è un’esercitazione: è codice rosso per la Terra». L’appello di Greta e altre tre attiviste piomba sui leader mondiali alla Cop26

Sono oltre 700mila le persone che hanno sottoscritto l’appello delle quattro attiviste

Con la Cop26 che inizia a Glasgow, mentre si chiude ormai il G20 di Roma, piomba sui leader mondiali l’appello delle attiviste Greta Thunberg, Vanessa Nakate, Dominika Lasota e Mitzi Tan perché: «contrastino l’emergenza climatica. Non l’anno prossimo – scrivono sul sito della ong Avaaz – Non il mese prossimo. Adesso». Il testo, già sottoscritto da oltre 700 mila persone, si apre con il titolo: «Tradimento», perché così spiegano le attiviste è come i giovani di tutto il mondo: «definiscono l’incapacità dei nostri governi di ridurre le emissioni». Ai leader mondiali chiedono coraggio, determinazione e lungimiranza: «Ma vi ripagherà, perché il vostro impegno sarà sostenuto da miliardi di persone». Il nodo per le attiviste sono inevitabilmente i combustibili fossili, sui quali i governi spendono ancora miliardi: «Questa non è un’esercitazione. È codice rosso per la Terra. Milioni di persone soffriranno per la devastazione del nostro pianeta. Le vostre decisioni – aggiungono – causeranno o eviteranno questo scenario terrificante. Sta a voi scegliere».


Ai leader del mondo

“Tradimento.”

È così che i giovani di tutto il mondo descrivono l’incapacità dei nostri governi di ridurre le emissioni di carbonio. E non è una sorpresa.

Siamo catastroficamente lontani dall’obiettivo cruciale di 1,5°C, eppure i governi di tutto il mondo stanno ancora accelerando la crisi, spendendo miliardi in combustibili fossili .

Questo non è un trapano. È il codice rosso per la Terra. Milioni di persone soffriranno per la devastazione del nostro pianeta, un futuro terrificante che verrà creato, o evitato, dalle decisioni che prenderai . Hai il potere di decidere.

Come cittadini di tutto il pianeta, vi esortiamo ad affrontare l’emergenza climatica . Non l’anno prossimo. Non il mese prossimo. Ora:

Mantenete vivo il prezioso obiettivo di 1,5°C con riduzioni immediate, drastiche e annuali delle emissioni, mai viste al mondo.  


– Terminate immediatamente tutti gli investimenti in combustibili fossili, i sussidi e i nuovi progetti e ferma nuove esplorazioni ed estrazioni.

– Terminate la contabilità creativa del carbonio pubblicando le emissioni totali per tutti gli indici di consumo, le catene di approvvigionamento, il trasporto aereo e marittimo internazionale e la combustione della biomassa.

Consegnate i 100 miliardi di dollari promessi ai paesi più vulnerabili , con fondi aggiuntivi per i disastri climatici.

Adottate politiche climatiche che proteggano i lavoratori e i più vulnerabili e riducano tutte le forme di disuguaglianza.

Possiamo ancora farlo. C’è ancora tempo per evitare le peggiori conseguenze se siamo pronti a cambiare. Ci vorrà una leadership determinata e visionaria. E ci vorrà un immenso coraggio, ma sappi che quando ti alzerai, miliardi saranno proprio dietro di te.

Cordiali saluti,

Greta dalla Svezia, Vanessa dall’Uganda, Dominika dalla Polonia e Mitzi dalle Filippine

Continua a leggere su Open

Leggi anche: