Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il militante No Green pass che ha minacciato di sgozzare un giornalista nei cortei a Milano

Quattro indagati per gli scontri alle manifestazioni. Uno di loro si sarebbe anche spacciato per poliziotto

Un milanese di 57 anni ha minacciato di sgozzare un giornalista durante la manifestazione del 16 ottobre scorso a Milano. Il fatto è emerso dalle indagini dei carabinieri coordinati dal capo del pool antiterrorismo Alberto Nobili. Il giornalista è Enrico Fedocci del Tg5 e il militante No Green pass gli ha fatto il gesto dello sgozzamento e gli ha urlato «veniamo a prendere te e il tuo padrone» per impedirgli di documentare quanto stava accadendo. Oggi la procura ha indagato quattro persone. Un 55enne residente a Monza è stato accusato di violenza privata aggravata nei confronti del cronista Salvatore Garzillo (Ansa e Fanpage). Un 62enne di Milano è sotto indagine per aggressione nel corteo del 23 ottobre, un 53enne sempre di Milano per un altro attacco il 30 ottobre. I quattro indagati sono tutti militanti No vax e No Green pass e non appartengono a contesti specifici dell’antagonismo. Nell’ultima manifestazione del 6 novembre un cronista sarebbe stato strattonato e spinto dopo che era intervenuto a difesa di un collega. Il 55enne indagato si sarebbe anche spacciato per un poliziotto. I carabinieri hanno perquisito le abitazioni e sequestrato dispositivi informatici. Ai quattro è contestato il reato di “violenza privata aggravata”, commessa nel corso di manifestazioni in luogo pubblico.


Leggi anche: