Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Fedriga: «Se fossero tutti vaccinati, il Friuli Venezia Giulia non sarebbe in zona gialla»

Secondo il capo della task force scientifica regionale sono quasi 5mila le giornate di posti letto che si sarebbero evitate se tutta la popolazione si fosse vaccinata

«Se fossero tutti vaccinati il Friuli Venezia Giulia non sarebbe in zona gialla». Parola del governatore Massimiliano Fedriga che fa così oggi il punto sulla situazione nella regione e sulla pandemia di Covid-19. Numeri alla mano, il professor Fabio Barbone, responsabile della task force anti-Covid in Fvg conferma le parole del governatore: «Dal primo ottobre scorso a ieri ammontano a 4.711 complessivamente le giornate di posti letto che si sarebbero evitate se tutta la popolazione del Fvg si fosse vaccinata. Di questi 4.057 nei vari reparti e 654 in terapia intensiva», spiega Barbone in conferenza stampa. I due mesi di ottobre e novembre, se comparati allo stesso periodo del 2020, vedono il 20% in meno di casi di contagio e la metà dei posti letto occupati in terapia intensiva ma anche nei reparti ordinari. Scende anche la mortalità, attestandosi – spiega Barbone – a meno di un terzo rispetto a un anno fa.


La zona arancione

I numeri, dice il capo della task force, sono il risultato della campagna vaccinale. Perché «le persone non vaccinate sono coloro che occupano il numero dei posti letto più alto». In termini anagrafici poi si assiste a una «grande risalita nei tassi incidenza dei giovani delle scuole primarie e dell’infanzia, in parte anche scuola media e superiori; la fascia anagrafica dove si riscontra l’incidenza maggiore è 6-10 anni» ma ci sarebbe anche una risalita dei contagi per tutte le età collegata alla diminuzione dell’efficacia del vaccino. Sono 160 persone non vaccinate e 120 quelle vaccinate che si trovano al momento in area medica, mentre in rianimazione ci sono 20 non vaccinati e 5 vaccinati. Barbone aggiunge anche in conferenza stampa che la regione non passerà un ulteriore step finendo in zona arancione. «Secondo i nostri modelli sull’andamento dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva Covid, il Friuli Venezia Giulia dovrebbe rimanere sotto i parametri in cui scatta la zona arancione», spiega il capo della task-force scientifica regionale.


In copertina ANSA | Il presidente della regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: