Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Tangenti in Puglia, arriva la confessione dell’ex capo della Protezione civile. Spuntano legami con i centri per migranti

La busta con dentro il denaro arrivava da un imprenditore che opera nel settore dell’edilizia che a luglio ha vinto un appalto con la Protezione civile pugliese relativo al centro di accoglienza richiedenti asilo di Borgo Mezzanone

Tre giorni dopo l’arresto in flagranza di reato, l’ex dirigente della Regione Puglia e della Protezione civile, responsabile dei vaccini e dell’ospedale per l’emergenza Covid nella Fiera del Levante, ha confessato. Antonio Mario Lerario ha ammesso di aver intascato una tangente da 10 mila euro. La busta con dentro il denaro arrivava da un imprenditore della zona di Bari che opera nel settore dell’edilizia, con il quale però Lerario ha negato di aver mai preso accordi di natura corruttiva. I reati che vengono contestati all’ex dirigente della Regione Puglia sono corruzione, turbativa d’asta e falso. Nel corso dell’operazione, il 23 dicembre, la Guardia di finanza lo ha fermato subito dopo averlo intercettato.


Nella sua auto erano state installate alcune microspie da diversi mesi, per questo chi indagava era a conoscenza delle sue mosse. Quando le Fiamme gialle sono intervenute, Lerario aveva ancora con sé la busta chiusa con la tangente. Il procuratore Roberto Rossi e l’aggiunto Alessio Coccioli oggi hanno insistito per la custodia in carcere. La difesa, invece, ha chiesto la scarcerazione e gli arresti domiciliari. Ora si attende la decisione del giudice per le indagini preliminari che potrebbe arrivare nelle prossime ore. La maxi indagine riguarda però almeno cinque episodi corruttivi oltre a questo, nei quali sarebbero coinvolti almeno altri cinque imprenditori, alcuni dei quali legati alla struttura per l’emergenza Covid nella Fiera del Levante.


L’imprenditore vincitore del bando per il Cara di Borgo Mezzanone

Dall’altra parte, l’imprenditore che ha consegnato la somma di denaro al dirigente della Protezione civile pugliese avrebbe anche lui ammesso l’addebito, nel corso dell’interrogatorio in qualità di indagato. L’uomo ha confessato di aver consegnato a Lerario una mazzetta da 10 mila euro. L’imprenditore è titolare di una società che nello scorso mese di luglio ha vinto un appalto con la Protezione civile pugliese relativo al centro di accoglienza richiedenti asilo di Borgo Mezzanone, nella provincia di Foggia. Sembra che avesse in corso contratti di appalto per la somma di oltre 2 milioni di euro con la Protezione civile regionale. Si tratta dello stesso campo in cui solo qualche giorni fa è stato registrato l’ennesimo incendio. Il noto attivista sindacale dei braccianti Aboubakar Soumahoro denuncia da tempo gli affidamenti della regione Puglia ad associazioni e organizzazioni che sfruttano migranti.

Leggi anche: