Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il primo discorso di Metsola da presidente su clima, diritti e futuro: «Onorerò Sassoli difendendo l’Europa» – Il video

«La disinformazione nel periodo pandemico ha alimentato isolazionismo, e nazionalismo – ha spiegato la neopresidente del Parlamento europeo – queste sono false illusioni, l’Europa è l’esatto opposto di questo»

«Onorerò David Sassoli come presidente battendomi sempre per l’Europa. Voglio che le persone recuperino un senso di fede ed entusiasmo nei confronti del nostro progetto. Credo in uno spazio condiviso più giusto, equo e solidale». Con queste parole la neopresidente del Parlamento europeo Roberta Metsola apre il suo discorso davanti all’Assemblea. Membro del Ppe, di origine maltese, Metsola è stata eletta, al primo turno con 458 voti favorevoli su 690 votanti. Le schede bianche e quelle nulle sono state 74. «La disinformazione nel periodo della pandemia Covid ha alimentato isolazionismo, e nazionalismo – ha proseguito – queste sono false illusioni, l’Europa è l’esatto opposto di questo». L’omaggio a Sassoli – con le sue prime parole in italiano da neopresidente – è stato il filo conduttore dell’intervento con cui ha aperto il suo mandato. «David era un combattente per l’Europa. Credeva nel potere dell’Europa. Grazie David. Mi sento onorata della responsabilità che mi affidate. Prometto che farò de mio meglio per lavorare a vantaggio di tutti i cittadini».


L’elezione della neopresidente, nel giorno del suo compleanno, è stata accolta da un lungo applauso dell’emiciclo, al quale sono seguiti sorrisi e strette di mano. Metsola ha incassato 113 voti in più rispetto al suo predecessore Sassoli che, a differenza sua, fu eletto al secondo turno. A suo favore hanno votato anche Lega e gruppo Ecr. Nel suo discorso, la neoeletta ha menzionato lo stato di diritto, la lotta alla disinformazione, i diritti Lgbtq, la transizione ecologica e i cambiamenti climatici. «Coloro che cercano di distruggere l’Europa sappiano che questo Parlamento la difenderà – ha continuato la neopresidente -. Per coloro che minacciano donne e cittadini Lgbt sappiano che questo Parlamento li difenderà, coloro che minacciano lo stato di diritto sappiano che non indeboliranno l’unità di questo Parlamento». E ancora: «Il Green Deal è l’occasione per l’Europa per reinventarsi. La lotta al cambiamento climatico è un destino comune, non è possibile separare ambiente ed economia – ha concluso la neoeletta -. Il Fondo per ripresa e resilienza sarà occasione per finanziare la transizione ecologica». Metsola è la più giovane presidente dell’Assemblea di Strasburgo e la terza donna nella storia del Parlamento europeo.


Leggi anche: