Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Commissione Ue si spacca sul nucleare. L’austriaco Hahn: «Voterò contro»

Monta il dibattito sulla tassonomia per gli investimenti sostenibili. Il commissario al Bilancio: «Per il nucleare periodo di transizione superiore ai 100 anni»

Spaccatura nella Commissione Ue sulla tassonomia per gli investimenti sostenibili. Il commissario al Bilancio, Johannes Hahn, ha detto che voterà contro l’inclusione del nucleare. «Devo aspettare la bozza finale», ha detto, ma se il testo non verrà modificato «voterò contro». Hahn ha poi specificato che le sue preoccupazioni riguardano «il periodo di transizione», che per il nucleare «in realtà è superiore ai 100 anni». «Sul gas, siamo chiarissimi che ci dovrebbe essere una scadenza per l’attività degli impianti, mentre non è il caso del nucleare», ha continuato. Parlando dei finanziamenti al gas naturale e al nucleare, il commissario austriaco ha poi sottolineato che «il denaro europeo non può essere utilizzato per le centrali nucleari o per le centrali a gas», spiegando che è scritto «sul nostro regolamento che include anche i fondi strutturali». Al momento, i servizi incaricati della Commissione sono al lavoro per analizzare il parere ricevuto da una piattaforma di esperti. Ieri, il portavoce della Commissione Ue Eric Mamer aveva detto: «Presenteremo la nostra proposta appena possibile, ovviamente abbiamo bisogno di un po’ tempo per analizzare i commenti che ci sono stati inviati».


Leggi anche: