Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Ci stanno sparando addosso»: il messaggio dei due poliziotti uccisi durante un controllo a Kusel

Non ancora chiara la dinamica dei fatti. Quando sono arrivati i rinforzi non c’èra più nulla da fare

Durante un controllo di routine, due agenti della polizia a Kusel, in Renania Palatinato, in Germania, sono stati uccisi nella notte a colpi di arma da fuoco. Si tratta di un poliziotto di 29 anni e una poliziotta di 24: i due erano riusciti ad avvisare via radio la centrale spiegando di essere stati feriti, ma quando i rinforzi sono arrivati sulla scena della sparatoria per gli agenti non c’era più nulla da fare. Non sarebbe ancora chiara la dinamica dei fatti, ma gli autori del duplice omicidio sono in fuga: uno dei due è quasi certamente armato. Intanto l’area del delitto è completamente blindata.


Secondo quanto scrive la Bild i due poliziotti avrebbero mandato un messaggio ai colleghi prima della morte: «Ci stanno sparando addosso», hanno detto via radio alla centrale della polizia. Dopo il messaggio la comunicazione tra la centrale e gli agenti sul campo si è interrotta. La polizia si è precipitata sulla scena del crimine, ma la poliziotta era già morta e il collega è deceduto qualche tempo dopo. Il quotidiano riporta anche un primo messaggio inviato dagli agenti, nel quale i due spiegavano di aver trovato della selvaggina morta nel cofano dell’auto che avevano fermato. A sparare, quindi, potrebbero essere stati dei bracconieri.


Leggi anche: