Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! La donna simbolo di un bombardamento in Ucraina non è la vittima di un’esplosione del 2018 in Russia

La foto ritrae la maestra ucraina Olena Kurilo. Gli uomini accanto a lei nelle foto sono agenti di Polizia ucraini, non russi

In questi giorni una donna è diventata il volto delle vittime ucraine dell’invasione ad opera della Russia di Vladimir Putin. Si tratta della docente Olena Kurilo di Chuhuiv, nella regione di Karkiv in Ucraina, ma secondo alcuni utenti tedeschi, poi ripresi da quelli italiani, si tratterebbe di una donna vittima di un’esplosione dovuta al gas in un’edificio russo. Il nostro verdetto sulla teoria diffusa sulla foto è il seguente: falso!

Per chi ha fretta

  • Diversi canali tedeschi sostengono che la foto della donna vittima di un bombardamento russo in Ucraina sia in realtà una vittima di un episodio separato, avvenuto in Russia nel 2018.
  • Le immagini dei due eventi citati, il russo e l’ucraino, risultano completamente differenti.
  • Nelle foto scattate della donna ucraina sono presenti degli agenti di Polizia ucraini, non russi.

Analisi

Ecco una delle condivisioni delle immagini di origine tedesca e quelle di alcuni utenti italiani che sostengono la teoria: «Donna ucraina vittima dei bombardamenti di Putin. Ah, no, ferita in un’esplosione di gas nel 2018, a Magnitogorsk, in Russia… Siamo tutti fessi» scrive l’utente Carlos.

In una delle immagini viene evidenziato questo testo in tedesco: «Dies ist eine gasexplosion in Magnitogorsk im jahr 2018».

Ecco il tweet riportato nell’immagine con il seguente testo: «Incredibile come la stessa donna ferita da una esplosione di gas nel 2018, fa la stessa fine nel 2022 durante l’invasione dell’Ucraina».

Ecco, invece, una versione tutta italiana della teoria: «Quante probabilità ci sono che la stessa donna di un attentato nel 2018 finisca esattamente allo stesso modo nel 2022 ??? #Russia #RussiaUkraine #Mainstream #fakenews» scrive l’utente “Camisa Bianca“.

Le immagini dell’esplosione a Magnitogorsk nel 2018

Partiamo dall’esplosione citata dagli utenti, quella che è realmente avvenuta a Magnitogorsk (Russia) nel 2018 e che risulta citata anche da Wikipedia. Ecco la foto pubblicata nell’enciclopedia online:

Sul sito russi Interfax troviamo una galleria fotografica dell’evento avvenuto il 31 dicembre 2018. Lo stesso edificio è presente nelle foto pubblicate da Sputnik. L’area ritratta dai siti russi è la stessa della foto pubblicata su Wikipedia.

Le foto dell’Ucraina del 2022

Le immagini diffuse in tutto il mondo, della donna ferita e dell’edificio colpito da bombardamento in Ucraina, sono opera dell’Anadolu Agency. In questo tweet del 24 febbraio 2022 riportano il video ripreso sul posto, a Chuhuiv.

La foto della donna ferita è presente in questa foto pubblicata su Getty Images dall’agenzia Anadolu (anche qui), dove notiamo immediatamente uno stemma nella divisa di una persona sulla sinistra: il logo della Polizia ucraina. Questo è ben visibile in un’altra foto pubblicata dall’agenzia, dove vediamo gli agenti mentre portano all’esterno un residente dell’edificio colpito.

In un’altra immagine relativa ai soccorsi nell’edificio colpito, sul braccio destro di uno degli agenti ucraini è presente un altro stemma: quello della Polizia locale di Kharkiv.

Conclusione

Viene diffusa una falsa attribuzione alle foto scattate relative a un edificio bombardato in Ucraina, dove la donna viene spacciata per una vittima di un esplosione di gas in un palazzo russo nel 2018. Le immagini scattate dall’agenzia Anadolu sono del 2022 dove i soccorritori e agenti presenti sul posto riportano gli stemmi ucraini, non russi.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: