Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Francia, alla fine Macron si è candidato alle presidenziali. La lettera ai francesi: «Ma non potrò fare campagna come avrei voluto»

Con le parole «Je suis candidat» il presidente uscente ha ufficializzato la sua discesa in campo per correre per un secondo mandato. «Non sbagliate», ha detto ai cittadini francesi

È con una «Lettera ai francesi» pubblicata sui giornali locali che il presidente Emmanuel Macron ha annunciato la sua ufficiale candidatura alle prossime presidenziali del 10 aprile. La richiesta è ancora una volta quella di riporre fiducia nel suo operato «per una risposta singolare, francese ed europea, alle sfide del secolo». Nelle ultime ore il presidente francese è stato uno dei protagonisti delle trattative dell’occidente con Putin sulla crisi in Ucraina. Ora l’altro importante passo: «Abbiamo affrontato molte prove insieme. Terrorismo, pandemie, ritorno della violenza, guerra in Europa. Sono candidato per inventare con voi, di fronte alle sfide del secolo, una risposta francese ed europea originale. Sono candidato per difendere i nostri valori minacciati dagli sconvolgimenti del mondo», scrive Macron nella sua lettera di candidatura.


L’invito rivolto ai cittadini francesi è quello di non fare la scelta sbagliata: «Non possiamo rispondere a queste sfide scegliendo di ripiegarsi su se stessi o coltivando la nostalgia. Solo guardando con umiltà e lucidità il presente e non rinunciando a nulla dell’audacia, della volontà e del nostro gusto del futuro, che avremo successo». E continua: «Il nodo è costruire la Francia dei nostri figli, non rimettere in piedi la Francia della nostra infanzia». Nel lungo testo il presidente francese ha fatto diversi riferimenti alla «forza economica del Paese», fondamentale «per mantenere la propria indipendenza». A conclusione della candidatura Macron avverte: «Purtroppo non potrò condurre la campagna che avrei voluto a causa del contesto generale ma la mia promessa è quella di spiegare in modo chiaro il mio progetto». E conclude: «Insieme possiamo fare di questo tempo di crisi il punto di partenza di una nuova epoca francese ed europea. Con voi. Per voi, per tutti noi».


Leggi anche: