Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Navalny: «Sempre più russi contro l’orribile guerra di Putin. Oggi si scrive la nostra storia»

L’oppositore del presidente ha pubblicato un sondaggio su Twitter: «Sono bastati pochi giorni di conflitto per provocare cambiamenti radicali di umore tra i cittadini»

«Il sostegno o meno dei russi all’orribile guerra che Putin ha scatenato contro l’Ucraina è una questione che definirà in gran parte il posto della Russia nella storia del XXI secolo». A scriverlo su Twitter è Alexei Navalny, oppositore del presidente russo Vladimir Putin attualmente in carcere. In un thread pubblicato sul suo profilo, Navalny ha spiegato: «Una cosa è se Putin ha ucciso civili ucraini con la piena approvazione dei cittadini russi. Ma è tutta un’altra storia se la sanguinosa azione di Putin non è sostenuta dalla società». Navalny, quindi, ha pubblicato una serie di grafici che mostrano l’opinione di un campione di 700 moscoviti sul conflitto in corso. Dalle immagini, si vede come tra il 25 febbraio e il 3 marzo sia sensibilmente cresciuta la quota di intervistati che ritengono la Russia «l’aggressore», nonché «responsabile» del conflitto in atto. In aumento anche la percentuale di persone che temono conseguenze «catastrofiche» sull’economia russa e che chiedono uno «stop immediato» delle ostilità. «Sono bastati pochi giorni di guerra per provocare cambiamenti radicali di umore tra i russi», ha commentato Navalny. Negli ultimi giorni, diverse città in Russia – inclusa Mosca – hanno visto migliaia di persone scendere in piazza per protestare contro la guerra.


Leggi anche: